Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

IL DIARIO DI ALMA, presentazione del libro a Pomigliano D'Arco il prossimo 23 marzo


IL DIARIO DI ALMA, presentazione del libro a Pomigliano D'Arco il prossimo 23 marzo
16/03/2013, 10:11

POMIGLIANO D’ARCO (NAPOLI) - “Si presenta nella mia città, quella città che odio e che amo”: con queste parole, vocaboli espressi con un sospiro e gli occhi rivolti al pavimento, Tina Piccolo, Ambasciatrice della Poesia Italiana nel mondo, annuncia la presentazione de ‘Il diario di Alma’, il libro che la nota poetessa ha scritto a quattro mani con l’avvocato Antonio Masullo, che avverrà proprio nella sua Pomigliano D’Arco il prossimo sabato 23 marzo alle ore 18, presso la Feltrinelli. Si tratta solo di un primo passo per il vero e proprio tour che toccherà tutta la Campania affinché ogni angolo della regione possa conoscere le mille sfaccettature di questa opera, che parla soprattutto di violenza fisica e psicologica contro le donne e delle mille difficoltà affrontate dall’universo femminile quotidianamente, ma anche di amore sentimentale e filiale, di malattie mentali e di poesia.

UNA VITA PER LA POESIA - Tina Piccolo riflette sui decenni trascorsi a ideare e organizzare iniziative di natura culturale, ai più di duemila riconoscimenti ricevuti, ai tanti amici conosciuti nei numerosi eventi ai quali ha partecipato e a tutte le persone che non hanno capito il suo dolce e nobile cuore e che ha perso lungo il cammino della vita: è un’emozione che le fa alzare gli occhi dal pavimento di quella casa di Pomigliano dove è domiciliata e la fa sorridere, quella casa che le ricorda la madre Carmela Naddeo persa da poco e il padre Maggiore e Commendatore Raffaele Piccolo che tanto ha operato in Pomigliano, “una città - continua la poetessa - che non sempre riconosce meriti e sacrifici, ma è la città dei miei antenati, dove mio padre ha fatto sventolare tante volte il tricolore, dove ho scritto i miei primi versi credendo nel bene, nella vita, nelle favole che mi raccontava mia nonna lavorando all’uncinetto ed è giusto e bellissimo sapere che potrò presentare qui il libro”. Un luogo importante, dunque, per la memoria e per il presente poiché Tina Piccolo da sempre si rivolge alle istituzioni campane affinchè sia data maggiore attenzione al mondo della cultura, possibile forse àncora di salvezza per un territorio soffocato da una crisi economica e soprattutto di valori.

LA KERMESSE - La serata sarà presentata da Gabriele Blair, anchorman di straordinaria eleganza e bravura con alle spalle una brillante carriera d’attore, contraddistinta inoltre da relatori d’eccezione: oltre agli autori, ci sarà Don Luigi Merola, Presidente dell’Associazione ‘‘A voce d”e ccriature’, il colonnello e scrittore Antonio Del Monaco, il colonnello e giornalista Antonio Grilletto, lo scrittore e docente Luciano Castellano, il prof. e sindacalista Giovanni Russo, il Presidente del Salotto Tina Piccolo Eugenio Cuniato, il prof. Roberto Della Ragione, Vincenzo Perrone e l’onorevole e sindaco di Saviano Carmine Sommese, che daranno il via ad un dibattito per dire basta alla violenza sulle donne, ragionando in merito a possibili soluzioni e leggi che possano stroncare ogni brutalità perpetrata contro l’universo femminile. Madrina della serata la nota cantante Mirna Doris e ospiti d’onore saranno l’attrice Giorgia Gianetiempo di ‘Un posto al sole’, i cantanti Mirko Pastore e Paki Maione, il produttore cinematografico Amedeo Letizia, il gruppo musicale ‘Insana Percezione’, i giornalisti Emilia Sensale e Antonino Fiorino che hanno già presenziato ai primi eventi legati al volume, il ballerino Carmine Ippolito, l’artista Massimo Pacilio, la Castaldo Generali Eventi, gli attori Angelo Iannelli e Lucia Oreto, Mari J di Radio PuntoZero, operatori della Caprievent TV, i giornalisti Giuseppe Nappa e Lucia Cirillo e Sara Mottola, la pittrice Anna Maria Forte e tantissimi altri ospiti, con una lista lunga che riserverà anche dei nomi a sorpresa e che renderà ancora più speciale la serata che sarà intrappolata dalla macchina fotografica di Antonio Miranda e Carlo Iovine

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©