Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il direttore generale dell’Enit Babbi a Napoli incontra Maddaloni e gli operatori turistici


Il direttore generale dell’Enit Babbi a Napoli incontra Maddaloni e gli operatori turistici
02/03/2013, 11:19

Mettere insieme le piccole imprese, gli operatori turistici e chi ha esigenza di allargare i mercati di esportazione attraverso “World Pass”, la rete degli sportelli per l’internazionalizzazione già attiva in Campania attraverso il sistema delle Camere di Commercio. Parte dalle imprese turistiche e dalla collaborazione con l’Enit, l’agenzia nazionale la strategia di rilancio del turismo campano, atteso alla prova dei mercati europei in occasione dell’Itb di Berlino, la più importante fiera internazionale del settore che si terrà dal prossimo 6 marzo.

Per fare il punto sulle iniziative di promozione per il 2013 e per potenziare la rete informativa e di collegamento tra l’agenzia nazionale e il sistema delle imprese, presso la Camera di Commercio di Napoli il presidente di Unioncamere Campania, Maurizio Maddaloni ha incontrato il direttore generale dell’Enit, Andrea Babbi insieme ad una delegazione di rappresentanti regionali delle sigle turistiche. “Le imprese turistiche chiedono politiche nazionali per il turismo attraverso il potenziamento del ruolo dell’Enit,  ma anche e soprattutto attraverso un forte raccordo con le specificità regionali e con le caratteristiche dell’offerta – ha affermato Maddaloni – .Occorre ripartire dalle imprese turistiche attraverso strategie promozionali al passo con i tempi, puntando sulla fondamentale funzione di snodo e di sintesi delle Camere di commercio”.

 “Gli enti camerali  possono avere un ruolo importante, se non determinante – ha aggiunto il presidente di Unioncamere Campania - nell’aggregare e fare partire questo processo di sviluppo”. Per il direttore generale dell’Enit: “Il rapporto con le regioni è fondamentale. E’ necessario però rafforzare il nostro ruolo di agenzia interministeriale, potenziando tutti gli strumenti di promozione del made in  Italy all’estero attraverso una forte collaborazione con associazioni imprenditoriali del comparto e con la rappresentanza istituzionale delle Camere di commercio”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©