Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il Divino Jazz Festival chiude con 3000 presenze


Il Divino Jazz Festival chiude con 3000 presenze
28/09/2009, 13:09

Serata conclusiva del Divino Jazz Festival, svoltosi a Torre del Greco dal 24 al 27 settembre, con appuntamenti musicali che hanno registrato un successo clamoroso. Il Festival, che quest'anno ha coinvolto anche le piazze storiche della città del Corallo, nasce sei anni fa dall' idea di voler unire vino e musica per il legame che entrambi hanno con la tradizione e l'innovazione.
Un connubio che ha entusiasmato molto l'amministrazione comunale di Torre e i suoi rappresentanti che hanno voluto, insieme all'organizzazione di Di Luca, offrire musica di qualità senza biglietto d'ingresso.
Come afferma lo stesso direttore del festival “E’ importante e siamo felici che gli enti e le istituzioni siano presenti per promuovere manifestazioni come queste, perché la cultura deve essere soprattutto veicolo di educazione e sviluppo non solo divertimento”.
Ieri sera sul palco dei MMMarzoli, tra gli applausi per gli ospiti di fama internazionale Fabrizio Bosso, Irio de Paula, Javier Girotto e Gianni Iorio, è stato anche assegnato il premio a Tina Volpe autrice dell'estemporanea più rappresentativa del Festival all'interno della rassegna pittorica Extra Senso fortemente voluta dall'organizzatore Gigi di Luca per promuovere l'arte campana insieme alla collettiva di arte contemporanea “Liquido Solido”.
Tra i numerosi stand del villaggio creato nel MMMarzoli il più affollato è stato sicuramente quello delle degustazioni enogastronomiche che ha avuto come protagonista assoluta la tradizione vinicola campana.
Il Festival conclude la sua sesta edizione registrando 3000 presenze in 4 giorni forte anche di un cartellone musicale composto tra gli altri da i Quintorigo, Maria Pia de Vito, James Senese, i Manumanouche e Salerno Street Parade.

 

 
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©