Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

IL FESTIVAL DELLE REPUBBLICHE MARINARE PROMETTE UN FINALE ENTUSIASMANTE


IL FESTIVAL DELLE REPUBBLICHE MARINARE PROMETTE UN FINALE ENTUSIASMANTE
24/09/2008, 18:09

Ultimo week-end con il Festival delle Antiche Repubbliche Marinare che si conclude domenica 28 settembre ad Amalfi. Il ricco carnet di eventi riprende domani con una giornata di studi dedicata all'interscambio culturale, religioso ed artistico nel bacino Mediterraneo, che è poi il filo conduttore della rassegna dedicata alle quattro Repubbliche Marinare.

 
Organizzata dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana la tavola rotonda, dal titolo “Il Caso della Repubblica Marinara di Amalfi”, è in programma domani giovedì 25 Settembre (inizio ore 9.30 presso la Biblioteca Comunale di Amalfi) dove si daranno appuntamento studiosi, ricercatori e appassionati per discutere di Mediterraneo, della storia dei traffici medievali di merci e di quei valori culturali e religiosi fra Occidente ed Oriente.
 
Tra gli interventi si segnalano quelli del professor Giuseppe Gargano, la cui relazione riguarderà “Spazi, funzioni e mediazione culturali di Amalfi nel Mediterraneo medievale” del professor Antonio Milone (Transiti interculturali tra le sponde del Mediterraneo: attestazioni artistiche in Costa d’Amalfi) e della professoressa Giuseppina Severino (Interazioni cultuali e religiose fra Oriente e Occidente: le impronte amalfitane). Nel corso della giornata di studi, anche la presentazione del volume “Amalfi medievale fra imprese e devozione. Civiltà di un popolo al centro delle culture mediterranee”, edito dal Centro di Cultura e Storia Amalfitana
 
La rassegna proseguirà venerdì 26 settembre (ore 21.00) con Paolo Migone, apprezzato artista del cabaret di Zelig. Lui, il comico che a Zelig si presenta in tv sempre con camice bianco e occhio nero, salirà sul palco di Piazza Municipio per far ridere insieme alle sue graffianti battute che raccontano la vita reale: il dilemma della suocera, la difficoltà di dividere la vita con una compagna pignola, il “terrore”dei pomeriggi nei supermercati. Sono, questi, solo alcuni dei temi carichi di ilarità che Migone sa magistralmente raccontare grazie ad una comicità, talvolta anche fisica, che non può non strappare almeno una risata.
 
Per il 1° Festival delle Repubbliche Marinare, finanziato dalla Regione Campania, Assessorato al Turismo e ai Beni Culturali, e promosso, dall’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Amalfi in collaborazione con il Comune di Amalfi, sotto la regia dell’Ente provinciale per il turismo di Salerno,  guidato dall’amministratore Gennaro Avella (la direzione artistica del Festival è di Patrizia Porzio) anche una straordinaria notte bianca con negozi aperti fino a tarda ora e un percorso tra musiche e colori dell’Amalfi by Night alla riscoperta degli angoli più suggestivi di una città pudica e discreta. Il Mediterraneo, crocevia di popoli, oggi luogo di incontro di tradizioni e culture differenti, sarà l'ispiratore della festa della musica etnica e della tradizione popolare tra slarghi, vicoli e piazzette del centro storico di Amalfi. “La Notte del Mediterraneo”, dalle 21 alla mezzanotte, animerà la cittadina Costiera nella sera 27 settembre con giochi di fuochi, balletti, musiche etniche e della tradizione popolare. La festa dell’arte si trasferirà in Piazza Municipio per il concerto di Tony Esposito e la Banda del Sole (ore 22.30) e a conclusione uno spettacolo di fuochi pirotecnici (ore 24).
 
Infine, Amalfi celebrerà un suo illustre cittadino adottivo: Salvatore Quasimodo a quarant'anni dalla sua morte avvenuta il 14 giugno 1968 in seguito ad un malore accusato mentre era ospite presso l’hotel Cappuccini di Amalfi. Sarà il figlio Alessandro a dar voce alle metriche del premio Nobel nel corso di un viaggio poetico e musicale dal titolo “Dedicato a Salvatore Quasimodo” (l’attore sarà accompagnato dal duo pianistico composto da Sebastiano Brusco e Marco Scolastra) programmato per il 28 settembre presso la Basilica del Crocifisso con inizio alle ore 18. 
 
Gli eventi in cartellone sono completamente gratuiti

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©