Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il Festival dell’editoria indipendente è in Romagna


Il Festival dell’editoria indipendente è in Romagna
16/09/2009, 09:09


Dopo la positiva esperienza dello scorso anno, Discanti editore e l’Associazione culturale Controsenso organizzano la seconda edizione de “Il Canto della Parola”, il Festival dell’editoria indipendente in Bassa Romagna. Il Festival si svolgerà dal 16 al 25 ottobre in quattro comuni romagnoli, tutti in provincia di Ravenna: Bagnacavallo, Bagnara di Romagna, Fusignano e Massa Lombarda. È dedicato al libro e nell’arco di dieci giorni proporrà una moltitudine di eventi: 12 incontri con gli autori, 2 readings, 2 spettacoli, proiezioni (a cura del Cinecircolo Fuori Quadro), letture, animazioni, degustazioni e cene in osterie e ristoranti dei territori interessati.
Gli obiettivi principali del Festival sono: promuovere la lettura e lo sviluppo dell’attività libraria indipendente con l’intento di creare un momento di approfondimento e crescita per il lettore, di offrire un momento di confronto tra editori, autori/artisti e pubblico, nonché tra editori e artisti locali con editori e artisti provenienti da altre parti d’Italia.
I libri presentati vengono scelti tra quelli pubblicati dagli editori indipendenti che hanno però una distribuzione nazionale.
L’estro, la creatività e l’amore per la propria terra fa sì che i due direttori artistici del Festival, Michele Antonellini e Daniele Tassinari - rispettivamente per Discanti editore e per l’Associazione culturale Controsenso - organizzino il tutto anche con un’attenzione alla promozione e alla valorizzazione del territorio, essendo coinvolti nel progetto alcuni comuni della Bassa Romagna con importanti evidenze storico-architettoniche, tutti con biblioteche attive nella promozione del libro, sale suggestive o significativi spazi teatrali.
La parte più nutrita del calendario è quella degli incontri con gli autori.
Parteciperanno a “Il Canto della Parola”: l’antropologo ed editorialista de la Repubblica e L’espresso Marino Niola con il suo “Si fa presto a dire cotto. Un antropologo in cucina”, (Il Mulino, 2009); Fulvio Ervas autore di “Follia docente” (Marcos y Marcos, 2009); i giornalisti Stefano Iucci e Carla Baroncelli presenteranno rispettivamente “Il lavoro e i giorni. Venti racconti sui giovani, la precarietà, la disoccupazione”, (Ediesse, Roma, 2008) e “Per amor di cronaca. I miei ventitre anni al TG2”, (Fernandel, Ravenna, 2009); Marina Sangiorgi, “Rubare tempo all’allegria”, (Raffaelli, Rimini, 2008).
Alcuni incontri saranno a carattere gastronomico: Andrea Maia presenta “La contrada di Bengodi. Cibo e cucina nel Decameron di Giovanni Boccaccio”, (Il leone verde, Torino, 2007), un saggio che propone una serie di ricette della tradizione fiorentina e talvolta anche di altri luoghi collegate alle novelle; Gabriele Cremonini e Giovanni Tamburini, “Maiali si nasce salami si diventa” (Pendragon, Bologna, 2009), un piccolo libro di storie intorno al maiale e ai suoi leggendari derivati.
Altri incontri con gli autori, invece, saranno a carattere musicale: con Giorgio Conte, “Sfogliar verze”, (Excelsior 1881, Milano, 2007), autore di brani interpretati da Fausto Leali, Adriano Celentano, Mina, Ornella Vanoni, Wilson Pickett, Milva, Patty Pravo, e suo fratello Paolo; e Andrea Podestà, studioso della canzone d’autore italiana e l’opera di Fabrizio De André, che presenterà il suo libro “Bocca di rosa” (Zona, Arezzo, 2009).
Due appuntamenti avranno come protagonisti i fumetti: “Dimenticare Tiananmem” (BeccoGiallo, Padova, 2009) di Davide Reviati; “L’epidemia” e “Il federale di Borgo Torre” (Mobydick, Faenza, 2008) di Claudio Nizzi, uno dei più importanti autori di fumetti d’Italia: è il creatore della serie poliziesca mensile Nick Raider, presente in edicola da vent’anni, e da venticinque scrive le avventure di Tex Willer, per il quale ha finora realizzato 140 storie.
Infine, Marisa Fontana presenterà il “Trattato sul buon uso del vino”di François Rabelais (Duepunti edizioni, Palermo, 2009).
I readings vedono protagonisti Michele Antonellini e Mauro Orletti.
Con La “questione» dell’otto per mille” (Discanti, Bagnacavallo, 2009) Michele Antonellini cerca di spiegare, nel modo più chiaro, preciso, avvincente e breve possibile che cos’è l’otto per mille, con l’aiuto di Giuseppe Garibaldi, Giorgio Gaber e altri eroici spiriti. E con il supporto di un reading, un agile percorso di canzoni e letture, dal titolo “Concerto in LA(icità) accompagnato da Il Quartetto dei canti minimi.
Mauro Orletti ha scritto un ritratto spietato, senza fronzoli, ma carico di humor e di battute fulminanti, sul mondo della fabbrica: “Mi sento già molto inserito. Cronache dalla fabbrica disintegrata (Zandegù, Torino, 2009). Uno stagista a contatto con gli intrallazzi di alti papaveri e sindacati, con l’inserimento degli interinali, la prepotenza dei capi, il mobbing, i brain-storming. Per riflettere, conoscere e indignarsi, divertendosi moltissimo.
Per quanto riguarda gli spettacoli sono in cartellone due concerti.
Uno ha come protagonista Giorgio Conte, alla voce e chitarra e Claudio Rossi, bouzouki, chitarra, violino. L’altro concerto dal titolo “Aria Mediterranea” è dedicato a Fabrizio De André e vedrà impegnati Isa (voce e chitarra) e Davide Ronfetto (basso, contrabbasso, chitarra e voce).

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©