Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

È una questione di decibel. Spettacoli silenziosi al Chueca

Il Gay Pride in Spagna si festeggerà…ma con gli auricolari


Il Gay Pride in Spagna si festeggerà…ma con gli auricolari
21/06/2011, 12:06

Il Gay Pride di Madrid, che ogni anno accoglie fra giugno e luglio circa 2 milioni di visitatori, si svolgerà quest’anno in parte con le cuffie in testa. Un accordo è infatti stato siglato fra il comune di Madrid e gli organizzatori della manifestazione dell’Orgoglio omosessuale (dal 29 giugno al 3 luglio), che ha sbloccato il divieto di tenere concerti nella piazzetta centrale del quartiere rosa della capitale spagnola, il quartiere Chueca.
Il divieto era stato imposto dal municipio a causa del rumore eccessivo dei concerti, dopo le proteste degli abitanti della zona, costretti a traslocare durante la settimana dei festeggiamenti, e della presenza a poche decine di metri di una residenza per anziani. La normativa prevede in questi casi che non si può superare il limite di 45 decibel fra le 11:00 di sera e le sette del mattino. L’accordo, spiega “El Pais”, prevede che sulla piazza si potranno ascoltare concerti, trasmessi dalla radio “Loca Fm”, ma che saranno “silenziosi”. Gli spettatori dovranno munirsi di auricolari per ascoltare la musica nella piazzetta di Chueca. I concerti invece si svolgeranno con la solita musica assordante, fino a 90 decibel fino alle 02:30 del mattino, sugli altri grandi scenari tradizionali del Gay Pride, a Callao, Plaza de Espana, Plaza del Rey e calle Pelayo.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©