Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

“Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.” celebra la Giornata Mondiale dell’Autismo


“Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.” celebra la Giornata Mondiale dell’Autismo
29/03/2013, 11:57

La Santa Messa nella Concattedrale e l’illuminazione di blu della “Fontana dei Delfini”: doppio appuntamento organizzato nella serata di martedì 2 aprile a Cava de’ Tirreni (Sa) dall’Associazione O.N.L.U.S. “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”. L’iniziativa, promossa in collaborazione con l’Associazione “Koinè” e l’agenzia di comunicazione MTN Company, è volta a celebrare la VI Giornata Mondiale dell’Autismo ed a sensibilizzare su una patologia sempre più diffusa

Un doppio appuntamento per sensibilizzare su una patologia sempre più diffusa: in occasione della Giornata Mondiale dell’Autismo, istituita nel 2008 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, martedì 2 aprile, alle ore 19.00, l’Associazione O.N.L.U.S. “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.” organizza la Santa Messa presso la Concattedrale di Santa Maria della Visitazione a Cava de’ Tirreni (Sa). A seguire, l’illuminazione di blu della “Fontana dei Delfini”, sita in Piazza Vittorio Emanuele III.

Lo scopo dell’iniziativa, promossa in collaborazione con l’Associazione culturale “Koinè” e l’agenzia di comunicazione MTN Company, è duplice. Innanzitutto sensibilizzare ed informare l’opinione pubblica, in quanto la conoscenza della realtà scientifica ed umana della malattia “autismo” è il primo passo per comprendere e sostenere chi ne soffre. In secondo luogo, la manifestazione si propone di creare un “ponte” tra le realtà in gioco, dimostrando come, con impegno e volontà, si possano costruire aree di abilità ed autonomia che si configurino come vero ostacolo alla pervasività del disturbo.

Alla Santa Messa nel Duomo metelliano, che sarà celebrata da Don Rosario Sessa, Parroco della Parrocchia di Sant’Adiutore, parteciperanno “attivamente” i ragazzi ed i genitori dell’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”, che persegue finalità di solidarietà sociale, culturale e ricreativa a favore delle persone affette da autismo e delle loro famiglie.

Al termine della celebrazione eucaristica, appuntamento fissato (ore 19.45 circa) in Piazza Vittorio Emanuele III, comunemente detta Piazza Duomo, dove si assisterà all’illuminazione di blu della storica “Fontana dei Delfini”, nell’ambito dell’iniziativa “Illuminiamo monumenti del mondo”.

È questa l’ennesima manifestazione di sensibilizzazione sull’autismo organizzata sul territorio dall’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”, presieduta da Giovanni Vaglia e composta da genitori cavesi, che promuove l’educazione specializzata, l’assistenza sanitaria e sociale, la rieducazione funzionale, la ricerca scientifica, la formazione degli operatori, la tutela dei diritti civili e la piena applicazione della Carta dei Diritti della persona con autismo e delle Linee Guida per l’autismo.

Una realtà, quella dei “grillini” e delle “coccinelle” cavesi, sorta dall’esperienza di vita comune di alcuni genitori che hanno preferito la condivisione delle proprie difficoltà, affinché sia garantito ai loro figli il diritto inalienabile ad una vita libera e tutelata, il più possibile indipendente, nel rispetto della loro dignità e del principio delle pari opportunità.

L’autismo è descritto dalla comunità scientifica internazionale come “Disturbo Generalizzato dello Sviluppo” o “Disturbo Pervasivo dello Sviluppo”, anche se spesso, per la varietà di sintomatologie e per le difficoltà che ancora oggi si incontrano nel fornirne una definizione clinica coerente ed unitaria, si preferisce parlare di “Disturbi dello Spettro Autistico”.

Al di là delle definizioni, quel che è certo è che si tratta di una patologia molto più diffusa di quanto si possa immaginare. Secondo una recente ricerca, addirittura negli Stati Uniti “esistono più bambini autistici rispetto a quelli affetti da diabete, AIDS, cancro, paralisi cerebrale, fibrosi cistica, distrofia muscolare e sindrome di Down messi insieme”.

Un dato inquietante, che dovrebbe far riflettere, risvegliare le coscienze e sensibilizzare sul problema. La società ha il dovere di aprire la porta ed ascoltare, per fare in modo che si smetta di riconoscere una dignità minore a coloro che possiedono un diverso grado di abilità. È l’appello ed al contempo la richiesta di aiuto che lanciano a voce alta i genitori dell’Associazione “Il Grillo e la Coccinella A.GE.C.”. Siamo pronti a raccoglierli ed a rispondere “sì”?

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©