Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il Laboratorio Zen Insieme di via Girandengo riapre le porte dopo due anni di chiusura


Il Laboratorio Zen Insieme di via Girandengo riapre le porte dopo due anni di chiusura
12/07/2012, 10:07

11 Luglio 2012. Dopo due anni di forzata inattività Laboratorio Zen Insieme riapre le porte. L’associazione dal 1988 opera allo Zen 2 svolgendo attività di volontariato a
sostegno di bambini, ragazzi, donne e interi nuclei familiari del quartiere.


Venerdì 13 luglio 2012 alle 19 si svolgerà la festa-aperitivo di autofinanziamento, presso il Centro Sociale G. Vitale, in via Girardengo 18/20, che sarà di fatto l’occasione per riaprire le porte del Centro G. Vitale, a beneficio del quartiere Zen 2 e della città.
Parteciperanno all’evento la neo presidente Mariangela Di Gangi, la presidente onoraria Bice Mortillaro, e diversi rappresentanti della politica cittadina e della società civile, oltre che alcuni membri del Consiglio comunale. Sarà possibile visitare i locali del Centro in occasione di un aperitivo di raccolta fondi utile alla messa a nuovo dell’edificio stesso.


“Nella consapevolezza che isolamento e abbandono costituiscano terreno fertile per illegalità e malavita, l’Associazione Laboratorio Zen Insieme invita i palermitani ad avvicinarsi ad una realtà che per crescere e cambiare necessita di essere vissuta e osservata in quanto parte di città, non dimenticata nella forma quartiere-ghetto”, dice Mariangela Di Gangi, neo presidente dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme.


Scopo dell’Associazione Laboratorio Zen Insieme è quello di costruire opportunità e spazi di aggregazione in una zona delle nostra città che anni di abbandono delle istituzioni hanno condannato ad isolamento e illegalità, occupandosi di minori, contrastando l’abbandono scolastico e l’inserimento nella malavita organizzata di bambini e ragazzi; occupandosi di donne, spesso relegate in condizioni di subalternità sociale ed economiche, aiutandole a sottrarsi a sottomissione ed auto-ghettizzazione attraverso l’avviamento al lavoro e all’autonomia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©