Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

IL MADRE E PIAZZA PLEBISCITO


IL MADRE E PIAZZA PLEBISCITO
22/12/2007, 08:12

L’annuale appuntamento che vede protagonista Piazza del Plebiscito si apre quest’anno oggi 22 dicembre, alle ore 16,30, con l’intervento di Michelangelo Pistoletto (Biella, 1933), esponente di spicco dell’Arte Povera negli anni ’60-’70 e oggi tra i protagonisti riconosciuti della scena artistica internazionale. L’evento è organizzato dalla Fondazione Donnaregina con i contributi di Regione Campania, Provincia e Comune di Napoli. 
Chiamato a interpretare gli spazi monumentali della piazza ottocentesca, Pistoletto presenterà qui un nuovo lavoro: una grande superficie che riproduce la silhouette dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo e un altro importante intervento che trasforma l’immagine della basilica di San Francesco di Paola in un manifesto collettivo di amore per le differenze. L’opera approfondisce e amplia l’idea di una possibile, armonica convivenza tra i popoli espressa nel progetto Love Difference - Movimento Artistico per una Politica InterMediterranea. Nato nel 2002 all’interno di Cittadellarte - Fondazione Pistoletto di Biella, con la realizzazione di un grande tavolo specchiante a forma di bacino del Mediterraneo, il progetto è stato presentato nel 2003 alla 50a Biennale di Venezia, dove l’artista ha ricevuto il Leone d’oro alla carriera, e risponde a un più ampio intendimento dell’artista, avviato sin dal 1994 con un manifesto programmatico che pone l’arte al centro di una trasformazione socialmente responsabile (Progetto Arte). Da qui l’organizzazione di incontri, manifestazioni e mostre e, nel 1998, la nascita di Cittadellarte. 
Questa edizione della rassegna napoletana riserva però una novità importante. La presenza di Pistoletto a Napoli non si limiterà a Piazza del Plebiscito, ma si estenderà anche agli spazi espositivi del museo MADRE, creando un collegamento ideale all’interno del tessuto cittadino.
Nella sua doppia veste di direttore del museo, nonché ideatore e curatore della manifestazione di Piazza del Plebiscito sin dalla sua nascita, nel 1995, Eduardo Cicelyn ha infatti invitato l’artista a esporre al MADRE tre lavori di grandi dimensioni, significativi nell’evoluzione della sua ricerca e per il valore ideale che racchiudono. Contestualmente alla tradizionale installazione che interesserà la piazza sarà perciò possibile ammirare, negli ambienti ridisegnati dall’architetto Álvaro Siza, Luogo di raccoglimento multiconfessionale e laicoe Il Terzo Paradiso in una nuova versione in alluminio riciclato, allestiti, rispettivamente, nella Sala polivalente/Auditorium e nel Cortile interno. Il primo, inaugurato nel 2000 nell’Istituto Oncologico Paoli-Calmettes di Marsiglia, propone la creazione di uno spazio di meditazione multiconfessionale e laico, anzitutto umano più che religioso. Il secondo appartiene, invece, alla fase più recente del lavoro di Pistoletto, incentrata sul Nuovo segno d'infinito creato dall’artista nel 2003 per rappresentare la nascita di un nuovo mondo e di un nuovo pensiero, dove la contrapposizione che si è andata sviluppando tra il Paradiso Terrestre retto dalla natura e il Paradiso Artificiale governato dalla tecnologia arriverà a sanarsi, aprendo finalmente la strada a una soluzione costruttiva per la sopravvivenza dell’uomo. La chiesa di S. Maria Donnaregina vecchia sarà invece la suggestiva cornice della Venere degli stracci, opera tra le più note e rappresentative della ricerca di Pistoletto e del movimento dell’Arte Povera
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©