Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Una "edizione critica" di dubbia serietà storica

Il "Mein Kampf" di Hitler edito in Italia da una società sionista


Il 'Mein Kampf' di Hitler edito in Italia da una società sionista
19/04/2017, 10:36

Un fascista o un nazista come commenterebbe "Il Capitale" di Karl Marx? Quanto sarebbe attendibile questo commento e quanto sarebbe invece dettato dall'odio politico? 

Le stesse domande si possono fare sulla "edizione critica" (così viene definita su Repubblica, che nel titolo aggiunge che è una edizione contro "le fake-news") del "Mein Kampf" di Hitler che verrà pubblicata dalla Frei Ebrei. Il Mein Kampf è stato stampato diverse volte quasi di nascosto, dato che i diritti sul libro erano della Baviera e ne hanno impedito la stampa. Adesso i diritti sono scadutri e chiunque può stampare quel libro. Ma che lo faccia la Frei Ebrei (una associazione che ufficialmente dice di voler far conoscere la cultura ebraica in Italia, ma in realtà fa propaganda a favore del governo israeliano e delle sue mire imperialiste e di sterminio dei palestinesi) e che pretenda di spiegare Hitler, è veramente ridicolo. E del resto, il riassunto che se ne fa su Repubblica è indicativo: si parla solo dell'odio di Hitler verso gli ebrei, non delle motivazioni che stanno dietro quest'odio. Nè si parla della situazione tedesca di quegli anni, vessata e sottomessa dalla Francia e dall'Inghilterra. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©