Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Il Napoli Film Festival domani ricorda Anna Magnani

A 40 anni dalla morte dell'attrice

Il Napoli Film Festival domani ricorda Anna Magnani
25/09/2013, 13:28

NAPOLI - Tre film per ricordare Anna Magnani a 40 anni dalla sua scomparsa. E’ con un omaggio a Nannarella che il Napoli Film Festival apre la lunga maratona di cinema che, dopo l’anteprima di domani sera, giovedì 26 settembre, dalle 17.30 all’Istituto Francese di Napoli di via Crispi, proseguirà con il festival vero e proprio in programma dal 30 settembre al 6 ottobre al cinema Metropolitan.
Un omaggio di grande intensità quello che la rassegna cinematografica napoletana, giunta alla sua XV edizione, dedica alla Magnani a cui è dedicato anche il manifesto ufficiale del Napoli Film Festival 2013 con l’immagine di Dino Cavicchioli tratta dal film Mamma Roma.  
“Un omaggio – spiega Mario Violini. Direttore artistico del NFF – a cui teniamo molto e che volevamo offrire alla città esattamente nel giorno della scomparsa della grande Nannarella, avvenuta quaranta anni fa. Era difficile scegliere nella sterminata produzione che l’ha vista grande protagonista, per questo la selezione ha raccolto i film che le hanno meritato i più prestigiosi premi internazionali dall’ Oscar, al David di Donatello, al Nastro d’Argento”.
La serata (a ingresso gratuito) sarà infatti una vera e propria maratona cinematografica che parte alle 17.30 conL’onorevole Angelina film del 1947 diretto da Luigi Zampa che valse all’attrice in quell’panno la Coppa Volpi come miglior attrice protagonista alla Mostra di Venezia e il Nastro d’Argento. A seguire, alle 18.45 ci sarà un intervento di Valerio Caprara, critico cinematografico e presidente della Film Commission Regione Campania. Poi la serata proseguirà alle 19 con Bellissima di Luchino Visconti che vide la Magnani ancora premiata con il Nastro d’Argento nel 1952. A chiudere, dalle 21, verrà proiettato La rosa tatuata di Daniel Mann che le valse l’Oscar come miglior attrice protagonista nel 1955.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©