Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il Nobel Shirin Ebadi apre la seconda edizione del Meeting di Sorrento


Il Nobel Shirin Ebadi apre la seconda edizione del Meeting di Sorrento
27/06/2012, 15:06

Shirin Ebadi, Premio Nobel per la Pace, sarà ospite d'eccezione della seconda edizione di Sorrento Meeting, l'evento economico internazionale promosso dall'Osservatorio Banche - Imprese di Economia e Finanza, in programma all'Hilton Sorrento Palace, il 6 e il 7 luglio prossimi.
Ebadi terrà un intervento in apertura del meeting, che quest'anno è incentrato sul tema “Mezzogiorni d'Europa e Mediterraneo nella bufera. I giovani, nuovi argonauti”.
Per l’edizione 2012 sono attese a Sorrento circa 250 persone tra esponenti di governo, economisti, accademici, banchieri ed imprenditori provenienti dall'Europa e dal Nord Africa, per discutere sui problemi occupazionali, sulla mobilità e sulle derive sociali delle nuove generazioni, per cercare di individuare nuovi modelli che si fondino su una condivisione di obiettivi da parte dei diversi territori, per suggerire ai policy makers possibili soluzioni nel rispetto non solo delle leggi economiche, ma anche di regole sociali e principi etici.
Tra i relatori della due giorni, la scrittrice marocchina Rita El Khayat, Antonio Marzano, presidente del Cnel, Enrico Giovannini, presidente dell'Istat, Abdel Kawi Khalifa, governatore de Il Cairo, Adriano Giannola, presidente della Svimez, Gianni Pittella, vice presidente vicario del Parlamento europeo, Alessandro Laterza, vice presidente di Confindustria, Nicola Motolese, presidente dei Giovani di Confagricoltura e Luigi De Magistris, sindaco di Napoli.
Sorrento Meeting, a cui il presidente della Repubblica Italiana, Giorgio Napolitano, ha conferito una propria medaglia di rappresentanza, prende le mosse dal Progetto Triplo Mezzogiorno, realizzato nel 2009 in collaborazione con Università, Centri di ricerca ed economisti di Germania, Italia e Polonia, con lo scopo di affrontare le problematiche del ritardo di sviluppo che caratterizzano i Mezzogiorni d’Europa ed il Mediterraneo, anche alla luce della profonda crisi e trasformazione che interessano in modo particolare questi territori.
L'evento è stato presentato stamane presso l'Associazione della Stampa Estera in italia, a Roma, alla presenza di Antonio Corvino, direttore generale dell'Obi, Francesco Saverio Coppola, coordinatore del Comitato Scientifico dell'Osservatorio, Mario Morcellini, direttore del Dipartimento di Comunicazione e Ricerca Sociale alla Sapienza di Roma, Massimo Lo Cicero, docente di Economia Aziendale alla Sapienza di Roma, Habib Mastouri, presidente dell'Istituto Italo - Tunisino, Barbara Carfagna, giornalista Rai e Nicola Motolese, presidente dei Giovani di Confagricoltura.
“L’obiettivo di fondo di Sorrento Meeting – spiega Antonio Corvino, direttore dell’Obi – è quello di creare in sede stabile, nel Mezzogiorno d’Italia, uno spazio di discussione per quanti – giovani, donne, ricercatori, imprenditori, economisti, sociologi, pensatori, rappresentanti del mondo bancario ed istituzionale – siano interessati ad aprire nuovi sentieri di impegno, di pensiero e di esperienze, migliorare l’interazione e il confronto, nonchè stimolare azioni e politiche che favoriscano l’individuazione di nuovi punti di riferimento in grado di determinare nuovi equilibri di natura produttiva, finanziaria, economica e sociale”.
Sorrento Meeting è patrocinato dalle otto regioni del Sud Italia - Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia - e dalle
principali Università del Mezzogiorno. Collaboreranno con l’Obi nell’organizzazione del meeting, in qualità di partner scientifici Associazione Premio Internazionale Guido Dorso, Centro Studi Federico Caffè, Ficei, Halle Institute of Economic Research, Istituto Italo–Tunisino, ItaliaCamp, Ires Campania, Banca Risorse Immateriali, Srm e Ipres Puglia.
A sostenere l'evento, Città di Sorrento, Formedil, Banca Popolare di Bari, Banca Popolare Pugliese, Banco di Napoli, Ubi Banca Carime, Unicredit, Regione Basilicata e Camera di Commercio di Napoli.
Tutte le informazioni relative a Sorrento Meeting sono disponibili sul sito dell'Obi www.bancheimprese.it e sul sito dedicato all'evento www.sorrentomeeting.eu

Il Programma

Il Forum si articola in due giornate, il venerdì, dalle ore 14 alle ore 20 e il sabato dalle ore 9 alle ore 14, con varie sessioni di lavoro.
Dopo la sessione di apertura con i saluti istituzionali e la presentazione dell’iniziativa, inizia la prima giornata di lavori dedicata a “Le conoscenze, i processi, le dinamiche” che sarà presieduta dal Presidente del Cnel Antonio Marzano. La prima sessione analizzerà gli “Scenari”: verranno affrontate le questioni evidenziate dalla bufera che imperversa sull’Europa e sul Mediterraneo e i suoi effetti sulle giovani generazioni, attraverso contributi di esperti e studiosi italiani e internazionali.
La seconda “I Giovani” darà voce alle testimonianze di giovani che, in Italia ed all’estero, si sono misurati con le problematiche di inclusione ed esclusione. La giornata verrà conclusa con le testimonianze sui temi etici affidate alla voce e all’esperienza del “dialogo sull’etica” dei rappresentanti del mondo cristiano e islamico.
La seconda giornata, presieduta da Mohamed Bechir Khalfallah, rappresentante della Commissione africana per i diritti dell’uomo e dei popoli, sarà dedicata all’approfondimento delle problematiche sociali. La prima sessione si focalizzerà sull’analisi delle “Derive sociali” che rischiano di disperdere intere generazioni di giovani nei contesti europei e mediterranei. La seconda ai rappresentanti istituzionali di alcune importanti espressioni territoriali ed economiche dell’area Mediterranea, per approfondire il tema “Territori e conflitti nel Mediterraneo. Il ruolo delle aree urbane” circa il ruolo delle giovani generazioni in rapporto con il territorio e le Istituzioni, partendo dalle particolari esperienze che nei diversi contesti si stanno vivendo, sullo sfondo delle trasformazioni in atto.
La sessione finale prevede una serie di interventi da parte di rappresentanti istituzionali del Parlamento europeo e della Banca d’Italia.
Verranno presentati e distribuiti nel corso dell’evento diversi rapporti: “PIL e occupazione” analizzerà il ruolo dei giovani con riferimento alle migrazioni, alla qualità del lavoro, alla creatività, innovazione; “Le politiche nell’area del Mediterraneo” affronterà il tema dei processi evolutivi degli scenari con riferimento alla governance, alle politiche europee nel Mediterraneo, alle prospettive di co-sviluppo nel quadro dei recenti processi di rivolta sociale e destabilizzazione politica di queste aree; “Effetti della criminalità nell’area del Mediterraneo” sarà incentrato sui processi di evoluzione della criminalità nel Mediterraneo, con i suoi effetti sull’economia, sui governi, e sulla dilagante disoccupazione giovanile; “La migrazione giovanile”, le migrazioni delle giovani generazioni e i loro effetti sul tessuto sociale dei paesi di partenza e di arrivo; “Dal Pil ai nuovi indicatori per l’analisi di inclusione ed esclusione” partendo dal PIL e dall’individuazione di nuovi indicatori valuterà le condizioni di inclusione ed esclusione dei giovani dai processi sociali ed economici; “Le Policies per i giovani in chiave euro mediterranea” intende analizzare quali siano le politiche necessarie per lo sviluppo occupazionale e l’inserimento sociale dei giovani nei territori euro mediterranei; “I processi di coesione sociale come fase pre competitiva” analizzerà i processi di coesione sociale utili a determinare azioni e obiettivi comuni per lo sviluppo e la crescita dei territori.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©