Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

Un'introspezione del mondo femminile

Il nuovo libro di Fabio Volo: "Le prime luci del mattino"


Il nuovo libro di Fabio Volo: 'Le prime luci del mattino'
01/10/2011, 18:10

Il 14 ottobre sarà in tutte le Librerie il nuovo romanzo ,dell’ormai celebre scrittore Fabio Volo, “Le Prime Luci del Mattino”.
Dopo i suoi primi scritti, forse un po’ acerbi, Fabio Volo ha saputo dimostrare anche ai più scettici tutto il suo valore come scrittore con i successi di “ Un posto nel Mondo”, “ Il giorno in più”, “ Il tempo che vorrei”.
La novità del suo nuovo libro sarà una voce narrante al femminile. Ciò che ha accomunato i suoi libri fin’ora è un protagonista al maschile, nonostante personaggi femminili che soprattutto in “Un posto nel Mondo” e “ Il giorno in più” hanno saputo rivelare la sua abilità nel comprendere la psicologia femminile, che per la maggior parte degli uomini resta tutt’oggi un luogo misterioso.
La difficoltà quindi nel suo nuovo libro sta appunto in questo, calarsi in prima persona nei panni di una donna, e raccontare con la sua voce. Per i meno attenti è doveroso segnalare che Volo si era già cimentato nell’impresa di “essere donna” nel suo ultimo racconto uscito in data 11 Giugno : “La mia vita”. Ci sono tutti i presupposti per supporre che si tratti di protagoniste simili nei suoi ultimi due scritti. Due donne insoddisfatte del loro matrimonio che grazie ad un episodio casuale aprono finalmente gli occhi e decidono di credere nella loro indipendenza.
Il suo parlare di un argomento così delicato come il matrimonio, fa di Volo uno scrittore coraggioso. Non è infatti semplice parlare, in un paese in cui è fortemente radicato il culto di sposarsi, di indipendenza femminile e divorzio. È ormai celebre la posizione di Volo sul matrimonio che emergeva già in “Il giorno in più”  in cui egli per bocca di Michela dice che a un certo punto della vita, soprattutto per le donne, quasi come se l’orologio biologico chiamasse si sente l’esigenza di sposarsi, e a farla aumentare sono le domande frequenti, soprattutto dei parenti, del tipo : “Perché non ti sei ancora sposata?”. Michela invece sostiene che vorrebbe vivere in un mondo dove ci si chieda “Perché ti sei sposata?”. Secondo Volo infatti sempre più spesso il matrimonio è dettato più dalla paura di restare soli che dall’amore, lui non è contrario in assoluto alla famiglia, ma:  “Fare una famiglia non è un sogno, le famiglie si dovrebbero fare per condividere con qualcuno che si ama il proprio sogno.” (Un posto nel mondo).
Elena quindi (protagonista di “Le prime luci del mattino”) sembra avere tutti i requisiti per regalarci un’altra introspezione dell’universo femminile, nonché la convinzione che non è mai troppo tardi per cambiare la propria vita e diventare persone più mature e consapevoli.

Commenta Stampa
di Andrea Carmine Acconcia
Riproduzione riservata ©