Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

“Il premio di consolazione” il nuovo disco di Francesco Villani


“Il premio di consolazione” il nuovo disco di  Francesco Villani
22/01/2013, 09:27

Certe cose si possono dire solo con il pianoforte. È un motto attribuito a Beethoven, che Francesco Villani farebbe proprio. Con la differenza che Villani è un musicista che fa del pianoforte non solo un mezzo espressivo, ma anche uno stile di vita, un luogo mentale. “IL PREMIO DI CONSOLAZIONE”, ultimo lavoro di Villani, pubblicato da EmArcy / Universal,  rivela di questo magnifico “pianista assoluto” il lato più lirico, la propensione al canto, l’amore per la melodia. Un disco che non svela solo il ritratto più intimo del  pianista partenopeo ma è anche – se non soprattutto – un album in trio, realizzato con il contributo del contrabbassista danese Jesper Bodilsen (già nel ‘trio danese’ con Stefano Bollani e Morten Lund, ospiti fissi della fortunata trasmissione RAI “Sostiene Bollani”) e di suo fratello Pierluigi.

Il  trio Villani-Bodilsen-Villani rappresenta una splendida testimonianza dello stato di salute del jazz in Europa (e naturalmente in Italia) e, in questo lavoro discografico, si nota proprio  l’intesa telepatica tra i due fratelli impreziosita dal contributo del contrabbassista Jesper Bodilsen, vero erede di quella scuola contrabbassistica di cui fu capostipite il grande e compianto Niels-Henning Ørsted Pedersen. 

 

Il disco “Il premio di consolazione” sarà presentato a Napoli con un live al  teatro Trianon  giovedì 24 gennaio alle ore 21.30. Insieme al pianista ci saranno Aldo Vigorito al contrabbasso e Pierluigi Villani alla batteria. Francesco Villani Trio

Francesco Villani - piano
Aldo Vigorito - contrabbasso
Pierluigi Villani - batteriaFrancesco Villani Trio

Francesco Villani - piano
Aldo Vigorito - contrabbasso
Pierluigi Villani - batteria
I tre eseguiranno i brani tratti dal disco e si destreggeranno fra temi recuperati al jazz come “Ritornerai” di Bruno Lauzi o un classico pop anni ’80 come “Tarzan Boy” dei Baltimora, eseguiranno  un Henry Mancini d’annata nel brano “Sunflowers  love theme”. Molti anche i brani firmati da Francesco Villani tra cui  “Sangue romagnolo” brano dal sapore drammatico o “Le grand bluffer”, il tango “Elogio del caffè amaro” e “Il premio di consolazione” che da il titolo all’album, che sarà una gradita sorpresa per il tono più intimo dell’artista. Un appuntamento imperdibile dunque per gli appassionati di jazz, per chi ancora non conosce il talento e la personalità di Francesco Villani, che saranno una conferma per chi lo segue, ma anche una rivelazione del lato più autentico, più sincero del pianista partenopeo. giovedì  24 gennaio al Teatro Trianon (Piazza Calenda, 9) alle ore 21.30  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©