Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il premio Villaricca Sergio Bruni incontra il Cardinale Sepe


Il premio Villaricca Sergio Bruni incontra il Cardinale Sepe
21/05/2012, 11:05

“Un privilegio incontrare il Cardinale. La sua vicinanza ci conforta e ci sprona a continuare sulla strada intrapresa, che ha l’impegnativo compito di coinvolgere i più giovani tenendo un riflettore sempre acceso sulle nostre radici e sulla canzone napoletana”. E’ il commento del presidente della Pro Loco di Villaricca, Armando De Rosa, alla guida della delegazione, che ha incontrato Sua Eminenza, il Cardinale Crescenzio Sepe. La lingua napoletana e la sua universalità al pari di altre lingue ed idiomi conosciuti nel mondo intero, sono state al centro del piacevole incontro alla sede di Largo Donnaregina tra l’Arcivescovo di Napoli, mons. Crescenzio Sepe ed i componenti della Giuria del “Premio Sergio Bruni la canzone napoletana nelle scuole”. La delegazione era composta dai rappresentanti dei promotori del Premio, ovvero il Comune di Villaricca, la Pro Loco ed il MIUR; c’erano, infatti, il sindaco Franco Gaudieri, l’assessore alla Cultura Giovanni Granata, il presidente della Pro Loco Armando De Rosa, Tommaso Di Nardo, Bruno Palmieri per il Miur e il maestro Salvatore Palomba, poeta e amico di Sergio Bruni, autore di moltissime poesie musicate dal Cantore di Villaricca tra cui l’indimenticabile “Carmela”.
“La vicinanza del Cardinale ci conforta e ci gratifica sapere che lo sforzo che portiamo avanti da circa dieci anni viene compreso appieno. - afferma il presidente Armando De Rosa- L’operazione della salvaguardia della canzone napoletana e bruniana, in particolare, ci vede impegnati da anni perché crediamo che il Maestro sia stato un anticipatore dei tempi oltre che un grande musicista. – poi conclude- Riteniamo che Sergio Bruni sia il capostipite di un modo di fare musica, di interpretare la canzone classica napoletana, un vero caposcuola, non a caso, recentemente il maestro Muti ha invitato chi studia canto ad ascoltare Sergio Bruni.
Il plauso del Cardinale Sepe a tutti coloro, che sono impegnati dietro le quinte del “Premio Villaricca Sergio Bruni. La canzone napoletana nelle scuole” ed al lavoro che viene fatto per i giovani avvicinandoli alle radici di una lingua, che nel contempo è poesia ed è il riflesso dell’anima stessa del popolo napoletano. Nel corso dell’incontro durato oltre un’ora, il Cardinale Sepe ha condiviso con i suoi ospiti un sogno che culla da tempo: “Riuscire a scrivere il Pater Noster in napoletano. La preghiera, che Gesù ci ha insegnato per rivolgerci a Lui, nella nostra lingua”. L’amore, che Sua Eminenza ha per la lingua napoletana è indiscusso. Quel “'A Maronn t'accumpagn”, ha fatto il giro del mondo e spopola anche in rete con una pagina su Facebook, dove in breve ha superato la soglia massima dei contatti possibili.
A Sua Eminenza, la Pro Loco ha portato in dono, per la oramai famosa “Asta del Cardinale”, la rara ed introvabile Opera: “Sergio Bruni - Napoli la sua canzone napoletana”, realizzata con il maestro Roberto de Simone.
Intanto le 50 le scuole che hanno aderito all’edizione 2012 del “Premio Villaricca Sergio Bruni. La Canzone napoletana nelle scuole” con i lavori realizzati, hanno già “inondato” l’Ufficio Cultura del Comune di Villaricca. L’ottava edizione ha coinvolto Napoli, Avellino, Benevento, Caserta e Salerno. A giorni si riunirà la Giuria, nominata dal Sindaco di Villaricca ed a fine giugno saranno resi noti i vincitori dell’edizione 2012. Il Premio prevede 3 sezioni: scritto/poesia; grafico/pittorica; esecuzione di un brano. I primi tre classificati di ogni sezione si divideranno un montepremi di circa 4mila euro. A ottobre la cerimonia di premiazione.
Per maggiori informazioni: www.premiovillariccasergiobruni.it oppure il contatto FB: Premio Villaricca Sergio Bruni. La canzone napoletana nelle scuole.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©