Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il progetto: "Le città del Mediterraneo"


Il progetto: 'Le città del Mediterraneo'
22/02/2010, 15:02


NAPOLI - La Regione Campania e la Regione Sicilia, con il sostegno del Ministero dello Sviluppo Economico e del Ministero degli Esteri, hanno firmato un accordo di collaborazione che affida alla Fondazione Campania dei Festival e a Riso-Museo d’Arte contemporanea della Sicilia la gestione operativa del progetto Le città del Mediterraneo. L’obiettivo è quello di favorire il dialogo, l’interscambio e la collaborazione delle principali città delle sponde Nord e Sud del Mediterraneo. Il progetto è biennale e culminerà nel 2011 con due manifestazioni che si svolgeranno una a Napoli e una in Sicilia. A Napoli, in spazi di proprietà pubblica del centro storico, si allestiranno dei “quartieri temporanei”, che saranno animati da iniziative (legate alla cultura, all’artigianato, al commercio) e gestiti direttamente dalle città mediterranee coinvolte. In Sicilia, invece, saranno invitati venti Musei d’Arte Contemporanea o Biennali d’arte di città del Mediterraneo a proporre sezioni promosse dalle proprie istituzioni culturali che permetteranno di fare un viaggio nell’arte contemporanea del Mediterraneo.

Già nel 2010, però, saranno organizzati due eventi preparatori: Le città del Mediterraneo atto primo - Il progetto che si terrà a Napoli il 5 e il 6 marzo 2010 e Le città del Mediterraneo atto secondo - L’arte contemporanea previsto, invece, in Sicilia nel mese di settembre. Le città del Mediterraneo, atto primo - Il progetto del 5 e 6 marzo vedrà arrivare a Napoli rappresentanti del mondo culturale, economico e produttivo delle città di Tangeri, Algeri, Tunisi, Alessandria d’Egitto, Beirut, Damasco, Amman, Istanbul, Atene, Marsiglia, Siviglia. Città strategiche del Mediterraneo che si troveranno a confronto su varie tematiche. Per loro si organizzeranno dei tavoli di lavoro che serviranno a valutare i diversi orientamenti dei singoli paesi e ad evidenziare percorsi e strategie comuni al fine di sviluppare programmi di collaborazione a lungo termine.

Nei due giorni si approfondirà il progetto attraverso una serie di tavoli ai quali saranno chiamati a intervenire gli operatori di tutti i settori. Un tavolo sarà dedicato all’informazione e porterà a Napoli i più importanti rappresentanti della comunicazione del mondo mediterraneo. Obiettivo del confronto: creare un gemellaggio fra quotidiani del centro e del sud Italia con quelli della sponda nord dell’Africa. Ci saranno anche tavoli sulla cultura, sull’Università, sull’artigianato, sulla ristorazione e sul commercio. Si discuterà a vari livelli analizzando le problematiche e le aspirazioni di tutti i paesi del Mediterraneo.

Il risultato dei tavoli di confronto sarà reso pubblico nel corso della seconda giornata con una conferenza stampa.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©