Cultura e tempo libero / Tv

Commenta Stampa

La puntata su Ruby riscuote ancor meno successo

Il secondo giorno di Ferrara in TV: altri 300 mila in meno


Il secondo giorno di Ferrara in TV: altri 300 mila in meno
16/03/2011, 14:03

ROMA - Se il buongiorno si vede dal mattino, meglio evitare a Ferrara di fare la fine di Antonio Socci: chiamato a sostituire Michele Santoro dopo che quest'ultimo era stato cacciato dalla Rai a causa dell'editto bulgaro di Berlusconi, fece una trasmissione (la mitica Excalibur), che dopo le prime puntata era stabilmente sotto il 5% di share. Al punto che gli sponsor minacciarono la Rai: o via Socci oppure non avrebbero più pagato un centesimo nè fatto un solo spot.
I dati Auditel dicono che Giuliano Ferrara si è incamminato su quella strada. La prima puntata di lunedì ha richiamato 5,9 milioni di spettatori, un milione in meno del TG1 di Minzolini. Quella di martedì ancora peggio: 5,6 milioni di spettatori, meno del 20% di share. Risultati del genere sarebbero impensabili in una rete che ambisse a mantenere il titolo di rete regina.
Anche perchè gli argomenti che usa non sono molto apprezzabili. Per esempio ieri, il paragonare Ruby che si prostituisce ad Arcore alla Maddalena e Berlusconi a Gesù, non è di quelle che attirano il pubblico.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©