Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

Il siciliano Pietro Adragna vince il 5o festival internazionale della Fisarmonica Digitale


Il siciliano Pietro Adragna vince il 5o festival internazionale della Fisarmonica Digitale
24/10/2011, 09:10

In una gremitissima sala, la Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, si è svolto sabato scorso, 22 ottobre, il quinto Festival internazionale della Fisarmonica Digitale. La V- Accordion, strumento concepito dalla Roland che da anni si fa promotrice in tutto il mondo di manifestazioni ad esso dedicate, è stata la protagonista assoluta di una competizione che ha visto concorrere ben 14 differenti nazioni. I finalisti, che provenivano da Italia, Inghilterra, Germania, Danimarca, Stati Uniti, Ungheria, Brasile, Canada, Spagna, Russia, Francia, Olanda, Giappone e Cina, si sono cimentati in repertori tra i più diversificati e sono stati votati secondo un giudizio che assegnava il voto alla migliore capacità tecnica, interpretazione musicale e capacità di sfruttamento delle potenzialità del particolare tipo di fisarmonica.

La giuria internazionale, composta tra gli esponenti più qualificati del settore – Raymond Bodell (Francia), Sam Falcetti (Stati Uniti), Joseph Macerollo (Canada), Kimmo Mattila (Finlandia), Graham Laurie (Inghilterra), Andreas Nebl (Germania) – ha decretato vincitore l’italiano Pietro Adragna, attribuendogli 166,4 punti, seguito dal tedesco Matthias Matzke (165,8) e dalla cinese Qi MA (164,0). Quest’ultima si è anche aggiudicata il premio The Ronald Lankford award, assegnato da una giuria di giornalisti composta da Lorenzo Tozzi, Pietro Acquafredda, Filippo Michelangeli, Gabriele Antonucci e Giovanni Pirri.

Ad aprire la serata sono stati i Fratelli Guglielmi: Alessandro e Gabriele, musicisti prodigio di solo 9 e 11 anni, hanno dato immediatamente prova del loro straordinario talento e della loro simpatia interpretando un complesso repertorio di musica colta per organetto. Sul palcoscenico si sono esibiti anche i Si Taranta, gruppo folcloristico dell’Italia centro-meridionale che ha trascinato gli spettatori alla scoperta del ballo popolare, sulle note della V-Accordion suonata dal fisarmonicista di fama internazionale Danilo Di Paolonicola. La manifestazione è stata presentata dall’attrice e cantante Mascia Foschi, anche protagonista di quattro interventi vocali sulla storia del tango accompagnati da Sergio Scappini.

Con tale iniziativa la Roland Europe vuole contribuire ad espandere ulteriormente l’immagine della fisarmonica digitale V-Accordion nel panorama musicale internazionale. Soddisfatti il presidente dell’azienda, Alfredo Maroni, e il direttore del marketing, Luigi Bruti, che hanno confermato per l’anno prossimo l’appuntamento all’Auditorium di Roma per la sesta edizione del festival.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©