Cultura e tempo libero / Happy hour

Commenta Stampa

“Il tango da Napoli a Buenos Aires”del fa tappa al Lennie Tristano di Aversa


“Il tango da Napoli a Buenos Aires”del fa tappa al Lennie Tristano di Aversa
22/02/2011, 15:02

Il jazz club Lennie Tristano di Aversa sabato 26 febbraio ospita al Salone delle Feste dell’Hotel del Sole (sito in Piazza Mazzini nei pressi della stazione ferroviaria della città normanna, inizo ore 21,30, infoline: 328 8479115) “Il tango da Napoli a Buenos Aires”, il nuovo progetto musicale del Giuliana Soscia & Pino Jodice Quartet.

Nella stupenda cornice della sala concerti aversana partirà questo speciale viaggio sonoro a ritmo di Tango, che proporrà una rilettura in chiave jazzistica di alcune note composizioni dei due grandi Maestri Roberto De Simone e Astor Piazzolla, oltre a brani inediti di Giuliana Soscia e Pino Jodice, tratti dal dall’album pubblicato l’anno scorso, dalla AlfaMusic.

Stella della serata la fisarmonicista e pianista Giuliana Soscia, vincitrice del Premio Sonerfisa, e ben nota al pubblico televisivo e radiofonico delle reti nazionali. Spiccano nel suo curriculum le importanti collaborazioni con la Scottish National Jazz Orchestra diretta da Tommy Smith e con la Parco della Musica Jazz Orchestra di Roma. In sua compagnia il pianista e compositore Pino Iodice, napoletano, allievo del grande Franco D’Andrea. Moltissimi i premi riportati nel suo Palma Res, specie in materia di composizione, tra cui vanno ricordati almeno il Premio Positano nel 2002 quale migliore compositore e arrangiatore e il Premio Palazzo Valentini quale miglior talento nel 2004. Al contrabbasso Aldo Vigorito, salernitano nato artisticamente al Lennie Tristano, rinomatissimo sideman e membro del Trio di Salerno con Guglielmo Guglielmi e Sandro Deidda. Innumerevoli le sue collaborazioni, da Gary Bartz a Lew Tabackin, da Jimmy Snidero a Gianni Basso, Stefano Bollani e tanti altri. Infine la batteria di Peppe La Pusata, da sempre affidabile drummer del gruppo, noto alle scene per le sue collaborazioni con orchestre sudamericane, ma anche per le sue presenze nell’orchestra del Teatro S. Carlo.

“La musica argentina, quella del continente americano in genere e quella napoletana nascono spesso da tradizioni individuali, ma nel loro viaggio nei cuori di milioni di persone si tramutano in piccole magie comunicazionali spesso simili tra loro. Da questa considerazione, siamo partiti per questo lavoro che avremo il piacere di presentare al “Lennie Tristano”, il club che, grazie alla sua trentennale attività concertistica, più di tutti ha contribuito ad avvicinare alla nostra realtà campana, facendocele ascoltare dai loro protagonisti, le musiche dell’altro capo del mondo”. Così il quartetto commenta il singolarissimo concerto di sabato prossimo, una vera chicca da non perdere.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©