Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Il "Teatro Fuorilegge" di Tony Laudadio alla Feltrinelli di Napoli


Il 'Teatro Fuorilegge' di Tony Laudadio alla Feltrinelli di Napoli
07/04/2011, 10:04

Si apre il sipario sul libro “Teatro Fuorilegge” (Edizioni Spartaco), giovedì 14 aprile 2011 (ore 18,00) nella Libreria Feltrinelli Libri e Musica di via Santa Caterina a Chiaia (angolo piazza dei Martiri) a Napoli. Protagonista della serata letteraria, l’attore e autore casertano Tony Laudadio che, assieme al critico teatrale di la Repubblica Giulio Baffi e al regista Francesco Saponaro, presenta ai lettori la raccolta dei tre atti unici “La gabbia”, “Infanzia di un socialista” e “L’appostamento”.

Il libro: «Un atto unico» scrive Giulio Baffi nell’introduzione al libro “Teatro Fuorilegge” «deve aggredire il palcoscenico… ci prova e ci riesce Tony Laudadio nei suoi tre racconti in un tempo, scritti per il teatro». Tre testi potenti, di grande impegno civile. Divertenti e leggeri, trattano temi di stretta attualità. Il comune denominatore sta proprio in quella parola del titolo: fuorilegge. Fuorilegge come un teatro che risponde anche a un desiderio di azione e di intervento sulla nostra vita quotidiana; fuorilegge come i protagonisti. E la rottura degli schemi, delle regole, molto ha a che vedere con un’altra parola, che ricorre stavolta nei testi: libertà. Un bisogno dell’animo così travolgente che riesce a mettere a nudo i sentimenti più biechi di un essere umano e che può portare alla deriva: attenzione, quindi, a non confondere quel nobile anelito con la spietata ricerca dell’affermazione di se stessi sugli altri. La Gabbia indaga nel mondo della camorra; Infanzia di un socialista racconta il sogno di un bambino tradito da se stesso adulto; L’appostamento mette insieme quattro poliziotti e un criminale: «percorsi vagamente fantastici» li definisce Baffi, «momentaneamente autobiografici, ironicamente concreti, drammaticamente plausibili».

Tony Laudadio, attore e autore teatrale, ha frequentato la Bottega di Gassman e ha lavorato con Federico Tiezzi, Toni Servillo, Andrea Renzi e, al cinema, tra gli altri, con Nanni Moretti. Con Enrico Ianniello conduce una sua ricerca personale, dopo aver fondato una propria compagnia che ha messo in scena testi come Magic People Show di Giuseppe Montesano e il recentissimo Tradimenti di Harold Pinter con Nicoletta Braschi. Per i suoi testi ha vinto il Premio Troisi nel 2000 e il Premio Girulà nel 2004.

Giulio Baffi è critico teatrale (la Repubblica), docente dell’Accademia di Belle Arti di Napoli e direttore artistico del festival teatrale Benevento Città Spettacolo. Francesco Saponaro è considerato tra i registi più interessanti della scena italiana del momento.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©