Cultura e tempo libero / Spettacolo

Commenta Stampa

Pronto il nuovo cartellone dello spazio di via Leopardi

Il Teatro Troisi e la sua seconda stagione all'insegna dell'esclusività


Il Teatro Troisi e la sua seconda stagione all'insegna dell'esclusività
17/07/2009, 12:07

Sulla scia dell’entusiasmo per i circa 20 mila spettatori della scorsa stagione e per il successo del musical “Rimini Anni Sessanta”, il Teatro Troisi presenta il suo nuovo cartellone ribadendo - così come sottolineato dal direttore artistico Salvatore Ceruti - la voglia di riconfermare spettacoli con nomi in ditta non proprio stellari ma con la prerogativa dell’esclusiva. “D’accordo con l’amministrazione del teatro rappresentata da mio figlio Antonio- ha continuato il patron della rinata struttura del Rione Lauro- abbiamo deciso di non fare da appendice ai grandi teatri della città per ottenere, a stagione quasi conclusa, il solito grande nome, alle prese però, con uno spettacolo già visto da tutta Napoli. Per il nostro pubblico, e questa è stata la nostra decisione, anche per questo secondo anno,  abbiamo preferito artisti non proprio ai vertici delle top ten teatrali ma con dei validi spettacoli unicamente riservati in anteprima alla platea del Troisi”. E grazie ai propositi del direttore Ceruti, la prossima stagione del teatro di via Leopardi inizierà, il 29 ottobre, ripresentando lo spettacolo rivelazione della scorsa annata “Rimini Anni Sessanta”. Ancora, dal 5 novembre, per omaggiare l’indimenticabile Mario Scarpetta, in sinergia con Gianni Pinto e l’associazione dedicata all’artista scomparso, presieduta dal giornalista Giulio Baffi, il secondo spettacolo in cartellone sarà “Viva gli sposi”, un meritato tributo al rappresentante della grande dinastia teatrale napoletana, messo in scena, con la regia di Salvatore Ceruti, da Maria Basile e Tommaso Bianco. “Sono contenta ed emozionata- ha detto l’attrice Basile - sia di vedere un teatro strappato all’ennesima società di supermercati sia di ricordare Mario, con il quale ho vissuto per tanti anni, grazie ad un suo testo fatto di quello stesso teatro di tradizione a lui tanto caro”. A seguire, dal 26 novembre, in scena al Troisi vi saranno Patrizia Pellegrino e Maurizio Merolla con “Follie del Cafè Chantant”, “uno spettacolo come ha dichiarato l’artista Merolla- che nel confermare un lungo sodalizio artistico iniziato nel ’98  porterà in scena un lavoro  nato per una tournée nel sud Italia con tutte le carte in regola per divertire il pubblico napoletano”. La commedia di Natale, dal 25 dicembre, sarà quella di Ciro Ceruti e Ciro Villano che, tornando insieme sul palcoscenico dopo la classica “pausa di riflessione”, presenteranno con Lucio Pierri “Tre sette col morto”. “Un lavoro- come hanno spiegato Ceruti e Villano- che, nel riconfermare il loro genere moderno di comicità, sarà proposto al pubblico con un biglietto dal prezzo popolare tanto per confermare la politica del Troisi rivolta a dei costi capaci di consentire l’accesso al teatro davvero a tutti. Ancora- hanno concluso i due comici- lo spettacolo coinciderà con una nuova serie di Sit Com che farà seguito alla fortunata ‘Fuori corso’ e che sarà trasmessa su di un’importante emittente campana”. Dal 4 febbraio, sarà il turno di Fabio Canino con “Fiesta” mentre, dal 25 dello stesso mese, a salire sul palco con le sue esilaranti battute sarà Lino Barbieri alle prese con “Scusate se insisto”. Dal 18 marzo, protagonista al Troisi, con uno spettacolo ancora da definire, sarà la cantante Gloriana, che, dopo il successo teatrale di Angelarosa Schiavone ritornerà a calcare le scene in veste di attrice. A chiudere la stagione in abbonamento ci penserà “Rosario Giglio” che, insieme con Francesco Cossu, presenterà “La Mandragola Carpazica-  una commedia imperniata sul testo di Machiavelli in grado di proporre in lingua napoletana le stesse tematiche originali avvicinandole alla nostra moderna realtà. A completare la stagione del Troisi, oltre alle mattinate per le scuole con autori a confronto come  Plauto, Pirandello ed Eduardo, tre spettacoli fuori abbonamento con Ardone Peluso Massa che leggeranno gli Squallor, il gruppo “ The Squallidor” che tributeranno un omaggio alla storica formazione ed ancora con “Dodici”, un recital del popolare cantante ed attore Massimo Masiello.

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©