Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

Nonostante il cast stellare

Il terzo film americano di Muccino non convince

Muccino: “Hollywood è un industria spietata”

Il terzo film americano di Muccino non convince
10/12/2012, 19:06

“Sono venuto qui a fare il gladiatore e non ero attrezzato con Will Smith era una passeggiata, mi lasciava libero di girare come volevo. Qui ho capito che cos’è davvero Hollywood, un’industria spietata dove la gente racconta balle dalla mattina alla sera. Contano solo i grafici, i test, il marketing, il profitto”. Con queste parole il regista Gabriele Muccino ha commentato a Repubblica, che lo ha raggiunto a Los Angeles dove risiede, l’insuccesso di critica e pubblico del suo ultimo film targato stelle e strisce.

Lo showbiz americano dunque ha bocciato senza riserve il suo nuovo film “Quello Che So Sull’Amore”, terza pellicola americana del regista romano.

E’ lontano dunque il grande successo de “La Ricerca Della Felicità” e, anche se un po’ meno, di  “Sette Anime”, che avevano come protagonista l’attore  Will Smith.

La “colpa” non si sa dove doverla scovare il cast è da considerarsi stellare: Gerard Butler, Catherine Zeta-Jones, Dennis Quaid, Jessica Biel e Uma Thurman! Forse è la storia che non convince fino in fondo, Muccino lascia trapelare una sorta di imposizione sul finale rispetto a quello che aveva immaginato lui e questo per  ragioni di marketing.

Muccino però ci ha tenuto anche a dire che durante questi 7 anni in America ha imparato molte cose, e non solo come cineasta.

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo
Matrimonio Muccino-Russo