Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Il vignettista salentino Paolo Piccione vince il suo terzo Marengo d’Oro


Il vignettista salentino Paolo Piccione vince il suo terzo Marengo d’Oro
07/09/2011, 13:09

Il vignettista salentino Paolo Piccione, con una vignetta che ritrae un Garibaldi al capezzale di un’Italia morente, per la 3 volta in 4 anni vince uno dei 3 Marenghi d’Oro svizzero messi in palio dalla 22^ edizione della Rassegna Nazionale di vignette satiriche “Ridere sotto il tasso” organizzata a Cavandone (Verbania) dall’associazione “Arti Artigiane Verbano”.

Il tema di quest’anno era: “1861-2011: 150 dall’unità d’Italia, fatti ed episodi della storia d’Italia visti attraverso la lente fantasiosa e divertente degli umoristi e dei vignettisti di oggi”.

Tutte le vignette partecipanti alla manifestazione sono state esposte il 3 settembre sul lungolago di Suna. La premiazione si terrà l’11 settembre alle ore 15.00 nell’incantevole cornice del Lago Maggiore e le vignette rimarranno esposte a Cavandone dalle ore 10.00 alle 17.00.

Le tre tavole presentate da Piccione, già autore di due libri di satira politica e di costume (Capronic ed Euronomicon) e di alcune campagne di comunicazione per la salvaguardia dell’infanzia adottate anche all’estero, denotano come filo conduttore l’amara visione di un Italia calpestata dalla politica, sbranata dai ‘poteri forti’ e moribonda per l’apatia, il menefreghismo e l’ottusa rassegnazione di troppi italiani.

Questo, però, è l’ultimo Marengo d’Oro per Piccione, il quale in futuro potrà solo esporre insieme ad altri vignettisti professionisti durante la manifestazione “Ridere sotto il tasso”. Ciò in quanto il regolamento del concorso prevede la possibilità di essere premiati al massimo per tre volte, cosa che per il vignettista di Manduria è avvenuta nel 2008, nel 2010 e nel 2011.

La giuria, composta dai vignettisti professionisti Carlo Sterpone, Gianni Soria e Marino Tarizzo, ha assegnato gli altri due Marenghi d’Oro messi in palio a Carlo Bartolini e Ramona Mantegazza.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©