Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

In libreria da domani "Culture della nascita. Orizzonti della maternità tra saperi e servizi"


In libreria da domani 'Culture della nascita. Orizzonti della maternità tra saperi e servizi'
20/11/2012, 10:51

“Culture della nascita. Orizzonti della maternità tra saperi e servizi” questo il titolo dell’ultimo libro pubblicato Dante&Descartes da Gianfranca Ranisio,  una delle principali esperte del settore e docente di antropologia culturale alla Facoltà di sociologia dell’Università di Napoli Federico II.
Il volume, che è da oggi nelle principali librerie italiane, contiene i saggi:  Le culture del parto tra agency e medicalizzazione di Gianfranca Ranisio, Molte competenze per pochi figli. Etnografia di un corso di preparazione alla nascita in un consultorio napoletano di Fulvia D’Aloisio, Accompagnare alla gravidanza, al parto e alla nascita. Il contributo della psicologia clinica di Daniela Cantone, “E’ successo”: lo strano caso dei bambini non programmati, la bassa fecondità italiana e la “fine” della razionalità di Elizabeth L. Krause.

Con questo testo Gianfranca Ranisio torna sui temi della nascita e del parto in quanto eventi sociali e culturali, che sono argomenti centrali della sua attività di ricerca. La riflessione si focalizza sulle trasformazioni nel modo di accostarsi alla maternità che hanno accompagnato in questi anni il percorso nascita, con particolare riferimento alla medicalizzazione e alle complesse e ambivalenti posizioni delle donne.

“Le prospettive di ricerca- dichiara Gianfranca Ranisio- che accomunano i saggi sono l’importanza di distinguere gli aspetti socio-culturali e psicologici da quelli biologici, l’attenzione ai processi di trasformazione in atto nella società italiana contemporanea, che non riguardano solo il parto ma tutto l’ambito della riproduzione, il legame tra identità femminili, strategie riproduttive, norme e rappresentazioni. 
In una prospettiva interdisciplinare, nella quale la specificità della prospettiva antropologica è affiancata dall'approccio della psicologia clinica, sono analizzati alcuni aspetti del complesso orizzonte materno, così come si va configurando nella società italiana contemporanea.”


Secondo l’analisi delle autrici, infatti, nella nostra società bassa fecondità, trasformazioni della famiglia, innovazioni dei saperi e delle tecniche inerenti nascita e accudimento configurano scenari nuovi, non privi di aspetti problematici. 
Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©