Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

In Rete il video di “Dolce e perverso”, l’ultimo singolo del cantante Antonio Colantuono



In Rete il video di “Dolce e perverso”, l’ultimo singolo del cantante Antonio Colantuono
10/01/2013, 11:39

Era stato segnalato in giro su un motorino in compagnia di un grosso orsacchiotto di peluche. È stato ritrovato in un video che sta spopolando su youtube. Si tratta di Antonio Colantuono, il giovane cantante torrese che ha messo in rete il videoclip del suo ultimo singolo, “Dolce e perverso”. Un brano in cui protagonisti sono l’amore e la passione. Ingredienti che ritroviamo anche nel video, dove però la stravaganza dell’artista prende il sopravvento, aiutato anche da una “spalla” d’eccezione: Salvatore Misticone, per tutti Scapace per il personaggio interpretato nei film Benvenuti al Sud e Benvenuti al Nord.

Proprio Misticone è lo psicologo che prende in cura Colantuono, prima infatuatosi di un grosso orsacchiotto di peluche, quindi arrivato al matrimonio prima del doloroso abbandono per uno degli amici dell’interprete: “Ovviamente – afferma un sorridente Antonio Colantuono – il peluche è un ‘personaggio-metafora’, perché poi nella realtà rappresenta una donna vera e propria. Nel girare il video mi sono molto divertito sia nelle fasi in cui corteggiavo e amavo l’orsacchiotto, sia nella seduta dello psicologo Misticone”.

Dolce e perverso da lunedì scorso è in rete e si può scaricare gratuitamente dal sito del cantante torrese (www.antoniocolantuono.it). Si tratta del singolo che lancia il nuovo lavoro discografico di Colantuono, sempre attento ad affiancarsi a importanti artisti campani per lanciare i suoi lavori, sempre più basati su una indiscussa qualità. Il brano – come detto – racconta di una storia ormai finita, concentrandosi non solo sul romanticismo della vicenda sentimentale ma anche sull’intimità e finanche sulla perversione raggiunta con l’ormai ex partner. Il brano è stato scritto da Antonio Colantuono mentre la sceneggiatura da Antonio colantuono e  Diego Sanchez, con quest’ultimo che ne firma anche la regia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©