Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Inaugurata la mostra di Silvia Martignago, "Blossom"


Inaugurata la mostra di Silvia Martignago, 'Blossom'
04/12/2009, 11:12

ASOLO - Sabato 5 dicembre 2009 alle ore 17.30 sarà inaugurata ad Asolo in Via Regina Cornaro 215-219 la personale “Blossom” di Silvia Martignago. La mostra, promossa da A.I.A.F. – AsoloInternationalArtFestival con il patrocinio del Comune di Asolo e la gentile concessione dello spazio espositivo di Giorgio Gobbato, rimarrà aperta al pubblico fino al 23 dicembre 2009.
Ogni artista cerca l’assoluto. Ma questo assoluto è limitato da qualcosa di più relativo: l’emozione personale. Nel suo percorso Silvia Martignago affronta l’esperienza dell’arte come un percorso introspettivo adatto a scoprire le potenzialità dell’animo umano, alla ricerca di una perfetta sintonia tra interno ed esterno che dissolva il confine tra uomo e natura. Dal pittore Sergio Favotto, suo maestro, apprende le regole della costruzione e del colore e la predisposizione alla pittura figurativa. La sua indole la porta però ad approfondire sempre più l’aspetto espressivo del puro colore, mettendo in secondo piano il disegno e cercando non tanto di copiare i colori nella luce, ma la luce attraverso il colore. La composizione deve tendere all’armonia, la dissonanza deve liberare un’emozione. Piccole macchie di colore condensano tutta l’energia della vita, macchie che chi osserva da lontano percepisce come armonia unitaria.
Martignago accentua la forza irradiante del colore e lo rende ricco e differenziato, nei paesaggi e nelle distese erbose che tanto si allungano verso il cielo da divenire con esso un'unica entità. I dettagli che nel primo piano suggeriscono la natura del soggetto lasciano il posto, più in profondità, a taches di colore che si giustappongono l’una all’altra creando spesso effetti “a mosaico”. La natura infatti non ha punti fissi, ma ogni volta davanti al motivo principale sorge una sensazione diversa. Ed è su questa “diversità”, sulla mutevole forza della natura, che la pittura di Silvia Martignago scopre tutta la sua forza: stimolare la percezione, sempre diversa, che gli occhi hanno di fronte al dato naturale, sintetizzare attraverso il colore le diverse sensazioni e arricchirle l’una con l’altra. La sua pittura diventa in questo modo una“partituracromatica” fluente e sonora che trova la luce mediante una tecnica compositiva sapiente, un  vibrante “accordo” di toni gialli, blu, rossi, verdi, che trasforma la natura in un gioioso, colorato concerto.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©