Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Inaugurazione della tripersonale “Il Femminino infondi in noi, Madre”


Inaugurazione della tripersonale “Il Femminino infondi in noi, Madre”
02/04/2013, 11:08

L’arte trova la sua casa al Museo del Sottosuolo di Napoli (piazza Cavour, 140) e si fonde ed impasta con le pareti tufacee e con il respiro dei secoli. A 25 metri sottoterra ad accogliere i visitatori un ventre materno, che genera e protegge, ma ugualmente è costretto ad ingoiare tante brutture per consentire alla vita in superficie di andare avanti.

 Parte da questo presupposto la simbiosi tra il Museo del Sottosuolo e la tripersonale “Il Femminino infondi in noi, Madre” che verrà inaugurata sabato 6 aprile alle ore 19.00 e rimarrà visitabile per due settimane fino domenica 14 aprile 2013.

 Protagoniste di questo inno alla potenza creatrice femminile, che assume diversi volti e voci attraverso gli eclettici linguaggi dell’arte, le opere di Gina Affinito, Ludovica Aria e Manuela Vaccaro.

 Ad essere celebrato è l’archetipo femminile, ma anche la sete insaziabile di conoscenza dell’essere umano, che vuole capire e carpire il mistero dell’origine della vita, che è alla base della nascita dell’universo stesso.

 L’ARCHETIPO E LA MOSTRA

 Le opere in mostra ruotano attorno alle varie declinazioni dell’archetipo dell’Alma Mater, dal cui ventre tutto si genera ed al quale tutto deve ritornare, in maniera indifferenziata… polvere alla polvere. Attorno al nucleo principale ruotano una serie di eventi accomunati da un medesimo filo conduttore.

 Nel ventre della Madre vita e morte si fondono. Così come accade nell’animo umano, che vive lo stesso gioco di specchi e rimandi. L’Alma Mater, infatti è potenza generatrice, profonda, viscerale, scrigno di emozioni, che sfugge alla comprensione della razionalità maschile e la trascende. E’ un energia potente, che sola può comprendere se stessa ed i suoi tanti risvolti.

 

La mostra vuole esprimere quest’energia attraverso i vari linguaggi dell’arte. In essa dialogano, in uno scambio di suggestioni, arte visiva, formule evocative, suoni ancestrali e azione drammatica.

A coesistere, ricomposte in un tutto armonico, spinte conflittuali ed opposte, interpretate attraverso la personale chiave di lettura delle artiste in mostra. Artificiosità e naturalezza, amore, che è spinta vitale, e morte, la potenza del sole e la pallida dolcezza discreta della luna.

 

 

IL PROGRAMMA:

 

            SABATO 6 APRILE ORE 19.30: VERNISSAGE

 

-         Discesa nel ventre della terra, scandita dalle tappe della tri-personale pittorica.

-         Intervento “Suggestioni del Sottosuolo, tra Storia e Mito”, legato ai luoghi circostanti (a cura dell’archeologo Carlo Leggieri).

-         Reading itinerante “Eros-Thanatos forza creatrice e dissolutrice nell’io femminile” con sottofondo di arpa e flauto.

 

Artiste in mostra: Gina Affinito, Ludovica Aria, Manuela Vaccaro

Arpa: Cira Romano

Flauto: Ottavio Volino

Reading: Elena Pellecchia dell’Associazione Scicufè

 

-         Intervento dell'Associazione culturale “Quercia Bianca” dal titolo “Il risveglio della Grande Dea”, che ruota attorno ai culti neopagani presenti nell’attualità.

 

SABATO 13 APRILE, ORE 20.00

 

-         Nettare di Madre Terra: “Vino&Arte”, un percorso affascinante con degustazione dei vini di Quartum, cantine di Criscio. In contemporanea è previsto un reading dal libro “Niente finisce mai” (Guida Editore), con la partecipazione dell’autore Franco De Luca, che verrà intervistato dalla giornalista Maria Magistro. Tre racconti che hanno come fil rouge proprio la passione per il vino.

-         Immersione in profondità attraverso l’opera de Il Demiurgo SRL, Associazione Teatrale, PULVIS ET UMBRA, viaggio nel ventre di Madre Terra, tra effluvi di creazione e impulsi apocalittici.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©