Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Inaugurazione mostra Incontri pour l'Image di Giuseppe Barbato


Inaugurazione mostra Incontri pour l'Image di Giuseppe Barbato
18/02/2011, 16:02

Dal 20 febbraio al Museo Madre inizieranno le esposizioni fotografiche dei vincitori del concorso fotografico Incontri pour l'Image, ideato da Wine & Foto per creare un confronto proficuo tra professionisti della fotografia e nuove promesse cittadine. Un incontro dal quale sono emersi talenti con capacità già mature nella ricerca e ideazione di un progetto fotografico che sia indipendente e che possa diventare in futuro qualcosa di più che una semplice passione amatoriale.

La commissione, composta dai fotografi presenti nella mostra 'O Vero! Napoli nel mirino, al Madre ancora fino al 21 marzo, ha selezionato i lavori di Fulvio Ambrosio, Giuseppe Barbato, Cristina Cusani e Maurizio Esposito, con una menzione speciale a Chiara Coccorese, Maria Manfredi, Francesca Rao e Anna Serrato. Le esposizioni dei singoli vincitori dureranno una settimana e saranno allestite nella Project Room del museo.

Il primo appuntamento del 20 febbraio alle ore 12.00 è con i lavori di Giuseppe Barbato affiancati come da programma dall'opera di Maria Manfredi.

Giuseppe Barbato nasce a San Giuseppe Vesuviano nel 1985. Inizia a lavorare come fotografo, maturando esperienze nel campo della moda, pubblicità, ritrattistica e post-produzione digitale. Si laurea nel 2008 in Pittura all’Accademia di Belle Arti di Napoli concludendo con la tesi Spike hell’s – tacchi a spillo, l'oggetto nell’arte contemporanea, gettando le basi per quello che sarà poi il progetto presentato alla tesi specialistica in Fotogiornalismo, Poudre, un reportage emotivo in cui il fotografo vuole toccare ed esprimere sensazioni e visioni sulla figura femminile. Nel Marzo 2009 realizza la sua prima mostra fotografica personale Relazione a cura di Mario Laporta. Nel gennaio 2010 va a Palermo con la personale L’artista racconta,a cura di Bianca Mannino.

Maria Manfredi vive e lavora a Napoli ed espone dal 1971 in Italia e all’estero. La passione per la cinematografia le ha consentito di sperimentare in questo campo senza abbandonare il settore della videoarte. Numerose le esperienze nel teatro dove si è cimentata nella scenografia e nella collaborazione alla regia di lavori teatrali e televisivi. Ha curato la regia video di lavori teatrali, ha prodotto videoritratti, libere interviste, videoclip musicali. E’ affascinata dalla macchina fotografica che usa spesso come una telecamera.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©