Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Slow Food Campania

Incontro dibattito sul mondo del tartufo


Incontro dibattito sul mondo del tartufo
12/07/2011, 10:07

La Condotta Taburno di Slow Food, in collaborazione con l'Associazione Aglianico del Taburno , l'Associazione Tartufai Sanniti, l’Associazione Micologica Matese e la Regione Campania, propone un'interessante iniziativa sul mondo del tartufo. E' in programma per venerdì prossimo, 15 luglio, un evento con le ricchezze del Taburno, il mondo dei tartufai e le prelibatezze enogastronomiche a base di tartufo. Si parte alle ore 18,30, presso il ristorante Rifugio Camposauro Vitulano (loc.tà Monte Camposauro), con l'incontro-dibattito dal tema "Il Taburno e i tartufi: Impariamo a conoscerli", moderato da Gianna De Lucia (Fiduciario Slow Food Valle Telesino) e con gli interventi di: Gaetano Pascale (Presidente Slow Food Campania); Italo Santangelo (Regione Campania); Vincenzo D'Andrea (Responsabile Sezione Tartufi - Associazione Micologica Matese); Ettore Varricchio (Università del Sannio); Nicola De Bellis (Presidente Associazione Tartufai Sanniti); Pasquale Carlo (Slow Wine); Grazia Pedicini (Dirigente scolastico. Agrario G. Vetrone); Raffaele Scarinzi (Comunità Montana del Taburno); Francesco Matarazzo (Pro-loco Camposauro) e Gaetano Palumbo (Fiduciario Slow Food Taburno).  Nell'ambito della manifestazione verrà allestita una mostra sui mezzi e consuetudini dei tartufai e si acquisiranno consigli e segreti di questo misterioso mondo.
A seguire il giovane chef Alessandro Frangiosa (della Condotta Slow Food Taburno) presenterà un Menù Degustazione di tartufi e di prodotti del tartufo, con il sapiente abbinamento dei preziosi vini del Taburno presentati da Pasquale Carlo (Slow Wine). L'incontro sarà chiuso da un'asta dei tartufi per la raccolta fondi "Mille orti in Africa".  Con tale evento la Condotta Slow Food Taburno - ha affermato il Fudiciario Gaetano Palumbo - vuol contribuire a far conoscere il nostro territorio, i suoi prodotti d'eccellenza, facendo si che la raccolta, la trasformazione e l'impiego del tartufo possa dar vita ad un indotto territoriale, sostenendo la salvaguardia delle economie locali, nel pieno rispetto della tutela dell'ambiente naturale e della promozione del territorio. La prenotazione è obbligatoria al numero 3333316492; mentre, per maggiori informazioni si può telefonare al 347.3702893.

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©