Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

IRON MAN


IRON MAN
14/05/2008, 16:05

Non è mai semplice, per un regista, riuscire a dare spessore e credibilità ad un personaggio dei fumetti. Questo perchè, di solito, bisogna condensare in un lungometraggio di un paio d'ore, pagine e pagine di storia e di retroscena. Nel caso di Iron Man, eroe Marvel partorito dalla mente del geniale Stan Lee, il lavoro era reso ancora più difficile da un personaggio, Tony Stark, che esce fuori dai classici schemi del supereroe e che presenta una personalità alquanto complessa. Il film rischiava di lasciar delusi gli appassionati del genere e di risultare irrimediabilmente frettoloso. Il "movie" di Jon Fraveau, invece, risulta ben diretto e ben pensato. L'eccentrico e donnaiolo Tony (interpretato da un ottimo Robert Downey Jr) risulta subito fornito del carattere giusto per catturare l'attenzione dello spettatore e, l'evolvesi della vicenda, si presenta fin dalle prime scene accattivante e coinvolgente.

Gli effetti speciali e gli elementi fantascientifici abbondano in quest'ennesima pellicola americana dedicata ad uno dei parti di Lee e dei suoi collaboratori. All'interno del suo film, Fraveau, ha voluto inserire (azzeccando) anche una deliziosa Gwyneth Paltrow e un convincente Jeff Bridges (tipico volto da cattivo/finto buono). Il classico film non impegnato ma comunque non banale, che può piacere a grandi e piccini e che si dimostra, tutto sommato, un buon prodotto cinematografico soprattutto per gli amanti del genere d'azione. A proposito d'azione: unico rimprovero, a voler esser pignoli, è forse proprio da riscontrarsi nell'assenza di un numero consistente di "action scene". Anche il duello finale, infatti, pare durare un po' troppo poco e risulta, ad un occhio attento, un po' troppo frettoloso. Chi si aspetta di vedere un film d'azione, dunque, non rimarrà di certo deluso ma, rispetto ad altre pellicole della stessa categoria, quella del Fraveau, potrebbe comunque apparire meno ricca ed esplosiva.
Voto: 7

Commenta Stampa
di Germano Milite
Riproduzione riservata ©