Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

Domenica 31 all'insegna di percorsi per il corpo e la mente

Itinerari di trekking urbano in 31 città italiane


Itinerari di trekking urbano in 31 città italiane
29/10/2010, 21:10

Domenica 31 all’insegna del Trekking urbano. In 31 città italiane itinerari multisensoriali per recuperare la memoria. Un tempo era la “gita fuori porta”, nelle campagne a pochi chilometri dalla città, oggi invece è sufficiente restare tra le mura del centro storico, riscoprendone il patrimonio culturale, paesaggistico e sensoriale. Domenica prossima l'appuntamento è con “Trekking in tutti i Sensi”, la VII Giornata Nazionale del Trekking Urbano (www.trekkingurbano.info) un percorso per tenere in forma mente e corpo con passeggiate e visite guidate attraverso stradine e vicoli, in salita e discesa, nei borghi e nel cuore antico delle metropoli. Percorsi per scoprire la natura urbana dove ai prati si sostituiscono ciottoli e sanpietrini e alle bellezze verdi si contrappongono le opere d’arte, i monumenti, le tradizioni popolari e i prodotti tipici delle città.
E persino le mappe dei percorsi (consultabili in pdf nella sezione “itinerari” del sito web) somigliano a quelle ideate per il trekking di montagna: con tanto di lunghezza, tempi di percorrenza e grado di difficoltà. Eccone alcuni tra i 31 proposti che, da nord a sud, si svolgeranno domenica prossima. Itinerari nel nord Italia: Tra i comuni dell’Italia settentrionali, Biella propone un tuffo nel bagaglio delle proprie doti artigianali con il percorso intitolato “Alla scoperta di un materiale antico: la terracotta”, che parte dal Museo del Territorio Biellese, attraversa i profumi della Costa delle Noci e giunge a Casa Masserano, dove i visitatori passeranno dalle parole ai fatti grazie ad appositi laboratori, accompagnati da musica e degustazioni. Durata: 3 ore per 2,5 km. Si muove nella direzione dei 5 sensi, invece, l’itinerario del comune di Brescia “Guardare, toccare, ascoltare: la città da imparare” (3 ore per circa 3 km). Si inizia dal Castello, guidati da un geologo e un botanico, e, dopo aver attraversato vicoli e chiese del centro storico, si approda ad Ambiente Parco in Largo Torrelunga. Mantova punta invece alla riscoperta della società passata con “Lo stradario del lavoro. Alla ricerca degli antichi mestieri” (3 ore per 2,5 km). Punto di partenza, Piazza Erbe, cuore economico e commerciale del centro lombardo e sede delle principali botteghe, tra cui spicca la Casa del Mercante.
Dopo aver attraversato le strade che portano il nome dei lavori di un tempo (Vicolo Chiodare, vicolo Forno, sottoportico dei Lattonai ecc.), si arriva al quartiere di Fiera Catena, dove avveniva il commercio del bestiame, oggi sede della Biblioteca comunale. Itinerari nel centro Italia: spostandosi verso l’Italia centrale, ci si imbatte nelle “Suggestioni risorgimentali” di Siena, comune promotore del progetto di Trekking Urbano, che si snodano in un ricco programma: 10 tappe in 2 km con un tempo di percorrenza di 2 ore e 30 minuti. Il viaggio nel Risorgimento inizia da Piazza del Campo, prosegue poi verso Piazza Indipendenza, via delle Donzelle, La Lizza, per concludersi alla Fortezza Medicea. Nostalgici e romantici i “Percorsi sensoriali tra echi di pietra e dolci ricordi” della città di Perugia: 11 tappe, da Rocca Paolina a Piazza della Repubblica, disposte lungo 3 km da attraversare in circa 2 ore e 30 minuti. Un viaggio da assaporare tra le antiche mura in pietra con degustazioni di prodotti tipici disseminati lungo il cammino, compresa la celebre cioccolata. Religiosità e mistero sono invece gli ingredienti principali di “Viterbo tra storia, arte e leggenda”: un ampio itinerario in 13 punti della città laziale da percorrere in 3 ore e 30 minuti per un totale di circa 5 km. Il via sarà dato a Piazza della Trinità. Si continua poi, tra diverse chiese e monasteri, per Porta della Verità fino al Quartiere medievale di San Pellegrino. Rincorre un patrimonio ‘evanescente’, per circa 2 km, “l’Itinerario odoroso tra erbe, profumi e tempi perduti” della città di Urbino, partendo dalla Chiesa di Sant’Agostino, passando per l’Orto botanico e arrivando al Museo della Città. Itinerari nel sud Italia: A Salerno un percorso intitolato “Alla ricerca del tempo perduto” (circa 2 ore per oltre 3 km) rievoca il desiderio di riscoperta della propria identità storica. Si inizia dai Portici di Palazzo di Città per risalire via dei Canali, strada utilizzata nel Medioevo per lo scorrimento delle acque piovane. Si giunge, poi, in Largo Abate Conforti per la visita alla Chiesa dell’Addolorata, realizzata dai gesuiti alla fine del XVI sec. Punto d’arrivo: l’ex Monastero di S. Benedetto. Non ha bisogno di particolari presentazioni Matera, con il suo suggestivo centro storico che ha fatto da set al film “The Passion”di Mel Gibson. L’iter proposto, “Trekking e misteri - Camminare nei Sassi nella notte di Ognissanti” (4 ore per oltre 2 km), va dalla chiesa di San Giovanni e arriva all’ex-seminario Lanfranchi. Per Messina il trekking urbano sarà un’occasione per svelare il proprio lato nascosto, con la mappa dedicata “Alla scoperta della città meno conosciuta” (3 ore per circa 3 km), che fissa la partenza in Piazza Unione Europea per scoprire l’Antiquarium di Palazzo Zanca, inoltrarsi nelle carceri e nella Torre Roccaguelfonia fino a giungere al Pozzo della Maddalena.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©