Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

L'anteprima del film al teatro Trianon

John Turturro, in scena la "Passione" di Napoli


.

John Turturro, in scena la 'Passione' di Napoli
13/10/2010, 11:10

NAPOLI - Napoli, patria di musica e canzoni. Napoli, terra da riscoprire, vivendola nelle sue strade più buie, nei suoi angoli più nascosti. Questa la città vista dall’italo-americano John Turturro, che ieri ha presentato nella sede della Giunta Regionale di Santa Lucia il suo film “Passione”. La passione, nella pellicola, c’è davvero tutta: è quella dello straniero che arriva senza sapere neanche bene dove si trova e ne assapora le atmosfere, prima di tutto artistiche. Da “Il Canto delle lavandaie del Vomero” del 1200 a “Napul’è” di Pino Daniele, il film rievoca storie lontane e miti vicini, alterna l’amarcord alla ricostruzione, i caroselli canori alle voci di strada. Immagini inedite delle grandi voci di un tempo si sovrappongono con quelle di interpreti moderni, capaci di proseguire, rinnovandola, una tradizione gloriosa.
Sesso, amore, gelosia: nel repertorio di Turturro c’è ogni cosa. Ogni canzone diventa una cartolina sentimentale, spedita dalle forze che muovono la città: l’energia, i drammi, l’orgoglio di un popolo che risorge sempre dalle sue ceneri più forte di prima. E’ questo il senso di “Passione”, come ha spiegato il regista stesso nel corso della conferenza stampa: “Molte delle vostre difficoltà ci sono in altri posti del Mondo” – ha detto –“ma qui c’è da imparare su come la gente le affronta”.
Nutrito il cast di stelle che hanno partecipato al film (e alla presentazione di ieri): da Fiorello a James Senese, da Peppe Barra a Peppe Servillo degli Avion Travel, da Pietra Montecorvino a Raiz.
In serata poi, l’anteprima al teatro Trianon. Una scelta simbolica, ha sottolineato il presidente della Regione Stefano Caldoro, in prima fila ad applaudire quello che, per inventiva e speranze, è già un capolavoro.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©