Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

KAMASUTRA ARTBOOK presentazione libro + live painting


Nella foto Francesca Protopapa aka Ilpistice
Nella foto Francesca Protopapa aka Ilpistice
21/02/2014, 12:54

NAPOLI - Siete pronti a lasciarvi sedurre dai disegni e colori che popolano i nostri sogni più voluttuosi ?
Questo ArtBook, realizzato da 64 artisti internazionali, è un omaggio ai più famosi trattati di erotismo. La nostra intenzione è quella di fornire una visione artistica e originale della celebre parte del Kamasutra che elenca le 64 pratiche amatorie. In accordo con gli antichi testi indiani, aderiamo all’idea che il piacere (Kama in sanscrito), non sia un peccato, ma una delle attività fondamentali per il raggiungimento della felicità. Per sorprendere i vostri sensi, gli autori hanno lavorato in totale libertà silistica scegliendo di utilizzare la loro tecnica favorita. La loro ispirazione prende forma sia dall’iconografia delle posizioni che dal potere evocativo dei nomi che esse portano nel libro.
La selezione degli artisti è stata guidata dal desiderio di offrire al lettore ricca ricerca formale, proponedo autori che lavorano nel campo del fumetto, dell’illustrazione e della street-art.

Quando: giovedì 20 marzo 2014 ORE: 18.30
Dove: Semmai factory, via salvator rosa 241 Napoli
Chi: Francesca Protopapa aka Ilpistice + Cristina Portolano

Info libro:

144 pagine a colori / formato 14,8 x 21 cm
isbn 979-10-93429-00-7

WEB SITE > 64-kamasutra-artbook.tumblr.com
CONTACT > infosquame@gmail.com

COVER ARTWORK: Dilraj Mann, Eleonora Antonioni, Arnus, Bianca Bagnarelli, Margherita Barrera, Rubens Cantuni, Giulio Castagnaro, Daniele Catalli, Francesco Cattani, Lorenzo Ceccotti, Marco Corona, Alberto Corradi, Andrea Chronopoulos, Darkam, Alessandra De Cristofaro, Dalia Del Bue, Mariachiara Di Giorgio, Camilla Falsini, Alberto Fiocco, Manuele Fior, Elke Foltz, Albert Foolmoon, Ale Giorgini, Grapheart studio, Roberto Grossi, Céline Guichard, Hellofreaks, Hitnes, Rafaël Houée, il Pistrice, Kichi, Loïc Locatelli Kournwsky, Luché, Dilraj Mann, Simone Massoni, Sarah Mazzetti, Mëgaboy, Millo, Maya Mihindou, Margherita Morotti, Martoz, Most Lonely Boy, MP5, Marino Neri, Nicoz Balboa, Laura Nomisake, oco, Nicolò Pellizzon, Stefano Pietramala, Gloria Pizzilli, Cristina Portolano, Irene Rinaldi, Alessandro Ripane, Thomas Rouzière, Cendrine Rovini, Sheepo, Soniaqq, Debora Cheyenne Cruchon, Tarmasz, Daniela Tieni, Giulia Tomai, Simone Tso, Lucio Villani, Viola von Hell, Flavio Zampaloni Art Director, Designer, Editor : Francesca Protopapa.

Il libro è pubblicato dall’associazione culturale SQUAME e finanziato con una campagna crowfunding su Ulule.com è in vendita sul sito dell’associazione.
SQUAME è un’associazione culturale basata a Parigi e creata per la promozione di artisti internazionali attraverso pubblicazioni editoriali, mostre e eventi. Gli autori che partecipano alle edizioni lavorano in totale libertà stilistica su una comune tematica creativa .
Per news e informazioni visitate il nostro sito www.squame.net

Il progetto 64 KAMASUTRA ARTWORK è stato curato da Francesca Protopapa aka Ilpistice
[Pì-stri-ce] (anche conosciuto come pistre, priste, pristi) s. f. Esemplare femminile in perenne movimento tra Italia e Francia, capelli corti, lunghe orecchie da coniglio, non mangia troppo, non beve troppo, parla troppo, ama il bello e adora i mostri marini. Si nutre di matite, penne, pennarelli, acrilico e cartoni di riciclo. Francesca Protopapa disegna da anni chimere di cartone usando lo pseudonimo del Pistrice, il nome del suo mostro marino preferito. Oltre all’illustrazione si dedica alla grafica e lavora in freelance a Parigi su progetti di comunicazione culturale. Alla fine del 2011 fonda il progetto SQUAME, che attraverso pubblicazioni ed eventi promuove una selezione internazionale di giovani illustratori. Nel 2004 si è trasferita a Parigi dove tuttora vive e lavora.

ilpistrice.com
http://www.francescaprotopapa.com/

 

Cristina Portolano, nata a Napoli nel 1986, ha studiato fumetto e illustrazione all'Accademia di Belle Arti di Bologna e a l'EnSAD di Parigi. Entra a far parte dell'etichetta indipendente Ernest virgola con cui autoproduce fumetti e altro. Vince il premio Napoli MONITOR per la sezione reportage disegnato ed inizia a collaborare al mensile. Ha partecipato al progetto “Peso alle immagini” incontro tra illustrazione contemporanea e ceramica esponendo in diverse città italiane. Disegna murales e si interessa ai progetti europei. Ha collaborato inoltre con Lo Straniero, Coconino Press, Illywords, ModernSpeen, MamiVerlag, Crack!, Hamelin, AltreVelocità, Delebile, Komikaze. Attualmente vive e lavora come illustratrice e grafica freelance a Bologna.
Http://www.cargocollective.com/cristinaportolano

Semmai Factory
Di Marina Iodice e Marina Saracino entrambe classe '85. Vivono e lavorano a Napoli dove nel 2005 hanno fondato semmai factory uno spazio artistico aperto e interdisciplinare. Obiettivo dello spazio è quello di esplorare i territori della creatività in qualsiasi forma di produzione estetica, avendo recepito la lezione delle avanguardie di un esercizio feriale dell’arte e di una società estetica diffusa. Le loro operazioni/produzioni si collocano in quei momenti dell’esistenza in cui emerge maggiormente la crisi della società contemporanea. Perché è proprio da questi spazi critici che può emergere una nuova condizione di reinvenzione ludica del mondo. Colonne portanti del progetto Semmai sono la creazione collettiva, il riciclo e il riutilizzo creativo.
Quest’ultimo aspetto costituisce un’elemento che uno sguardo autenticamente femminile, nelle e sulle cose dell’arte, non puà trascurare. La donna è sempre stata la figura di riferimento per tutto ciò che sul piano culturale ha significato possibilità di reinvenzione, riutilizzo, ridefinizione, risignificazione. E se la donna, per una certa tradizione culturale, viene sempre “dopo” l’uomo, noi diciamo che evidentemente è perché in questo modo può correggere gli errori commessi, rimettendo in gioco tutto ciò che era stato precedentemente rifiutato, dismesso, avvilito, cancellato.

(c.s.) 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©