Cultura e tempo libero / Teatro

Commenta Stampa

Viaggio attraverso le fiabe del mondo arabo

“Kan Ya Ma Kan” a Galleria Toledo


“Kan Ya Ma Kan” a Galleria Toledo
14/02/2012, 15:02

Il mondo arabo con tutte le sue peculiarità è ancora privilegiato oggetto di studio e riflessione da parte di Luisa Guarro che a partire da domani, 15 febbraio, porterà in scena al Teatro Galleria Toledo il suo “Kan Ya Ma Kan”, uno spettacolo ispirato a ‘Palestina Fiabe’ a cura di Wasim Dahmash e ‘Favole del mondo arabo’ a cura di Inea Bushna. In collaborazione con Osservatorio Palestina e coadiuvata dalla consulenza culturale di Omar Suleiman, la Guarro firma la regia e la drammaturgia di questo spettacolo che vede protagonisti Antonio Grimaldi, Ettore Nigro, Loretta Palo e lo stesso Omar Suleiman. E’ la tensione d’amore a spingere i personaggi delle fiabe arabe ad intraprendere i loro viaggi. Sono viaggi lunghi, impervi, vere e proprie discese agli inferi, durante le quali s’incontra quasi sempre il Ghoul, il mostro ripugnante, il non morto, divoratore di carne umana. Come in un videogame, i viaggi sono articolati a livelli successivi ed ogni livello comporta il pericolo della morte o dell’allontanamento dall’obiettivo: l’incontro d’amore.
Il principe e la principessa, seppur mossi dallo stesso motore e dallo stesso fine, vivono però condizioni e storie assai diverse. Il principe, eroe delle fiabe destinate alle tende degli uomini, durante il suo percorso incontra vari pericoli ai quali può opporre le sue virtù cavalleresche: la generosità, che sempre ripaga, la sensibilità che ne delinea un profilo poetico, il coraggio, l’audacia e la determinazione del combattente. Per lui il Ghoul non rappresenta un vero pericolo, esso è, infatti, forza bruta facilmente soggiogata dall’intelligenza e dalla virtù. Altra condizione vive, invece, la principessa, protagonista delle fiabe destinate alle tende delle donne e dei bambini, i suoi viaggi sono quasi sempre fughe e se incontra il Ghoul, forza oscura e maligna, contro di lui non ha alcun’ arma, esso è per lei indomabile ed imprevedibile, una fatalità nefasta. Inseriti in un sistema di rapporti di forza, i nostri protagonisti sono destinati a non incontrarsi mai, a non raggiungere il loro obiettivo, a perdersi nel loro deserto, ad affrontare un irrimediabile game over, a meno che non avvenga un miracolo…kan ya ma kan. In scena fino al 25 febbraio. Con un contributo di 3 euro sarà possibile partecipare al post-serata con degustazione di dolci e the alla menta.

informazioni e prenotazioni
Galleria Toledo, teatro stabile d’innovazione
via Concezione a Montecalvario, 34 80134 Napoli
tel. 081 425037 – 081 5646162

 

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©