Cultura e tempo libero / Viaggi

Commenta Stampa

LA CAMBOGIA, UNA STORIA ED UNA TERRA INCREDIBILI


LA CAMBOGIA, UNA STORIA ED UNA TERRA INCREDIBILI
04/10/2007, 09:10

La Cambogia è un Paese abbastanza pianeggiante situato nel cuore dell’Indocina. Confina con il Laos a N-E, con il Vietnam a E e S-E e con la Thailandia a O. A S-O si affaccia sul Golfo del Siam con 443 km di costa quasi incontaminata. Vi sono inoltre due grandi bacini idrografici: il fiume Mekong e il lago Tonlé Sap. Il Mekong nasce in Tibet e dopo aver attraversato il Myanmar, la Thailandia e il Laos scorre in Cambogia per 500 km circa per sfociare poi nel Mar Cinese meridionale, già in territorio vietnamita. All’altezza di Phnom Penh il Mekong si divide in due rami. Quello occidentale prende il nome di Bassac e durante la stagione delle piogge, a causa delle maree e del forte flusso di acqua, inverte per sei mesi il suo corso (dal delta al lago Tonlé Sap), per poi tornare a scorrere verso il mare nella stagione secca. Il Tonlé Sap occupa una vasta area della Cambogia nordoccidentale. Dal suo andamento dipendono l’agricoltura e la pesca in tutto il Paese. Nei periodi di secca (da novembre a marzo) la superficie del lago si riduce a un terzo (2.500 kmq) e la sua profondità è di 2 m appena, poco più di una palude in cui le secche sono in agguato. Al contrario, nella stagione delle piogge il lago triplica la sua superficie fino a 8.000 kmq, con una profondità di 14 m, inondando le strade e le foreste di mangrovie circostanti, giungendo fino alle pendici delle colline. Il Tonlé Sap è ovviamente pescosissimo e ciò costituisce la fortuna degli abitanti del villaggio galleggiante, di etnia Cham e vietnamita (dal tipico copricapo triangolare), cui la religione non impedisce di pescare. I contadini khmer, buddhisti, invece non possono uccidere animali. Il 90% della popolazione cambogiana è di etnia khmer, discendenti da popoli di origine indoeuropea giunti in Cambogia dall’India del nord: i loro lineamenti sono caratterizzati da visi perfettamente ovali e pelle scura. Il secondo gruppo etnico è quello vietnamita (1 milione circa): vive prevalentemente nelle città o sul Tonlé Sap. Al terzo posto l’etnia Cham, musulmana, originaria anch’essa del Vietnam; infine cinesi e minoranze delle cosiddette terre alte. Nella struttura statale i khmer amministrano il potere e la cultura, ma sono scarsamente intraprendenti nel commercio gestito prevalentemente da cinesi e vietnamiti. Per capirci: i cambogiani coltivano fiori solo per il piacere dei loro occhi, non per venderli.
(Fonte:imondonauti.it)

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©