Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

La collezione Magnarini al Museo Archeologico Nazionale di Parma


La collezione Magnarini al Museo Archeologico Nazionale di Parma
30/03/2010, 11:03

La collezione Magnarini di scarabei egizi è tra le più importanti private del settore in Europa e nel mondo. Gli studiosi la conoscono molto bene, essendo stata pubblicata integralmente dalla British Archeological Reports, Oxford 2004.
Da ora è visitabile anche dal grande pubblico, essendo esposta - con criteri allestitivi e di interazione tra i più aggiornati - al Museo Archeologico Nazionale di Parma.
Qui i preziosissimi reperti della Collezione sono giunti grazie all'acquisizione da parte della Fondazione Cariparma che ha così voluto assicurare alla Città un patrimonio di assoluto pregio che rischiava di esser disperso.
Acquisita la Collezione, i 429 scarabei che la compongono sono stati affidati all'Istituzione pubblica parmense in comodato ventennale, tacitamente rinnovabile.
Affidando al Museo la Collezione, la Fondazione si è impegnata anche a garantirne la migliore fruibilità da parte del pubblico, specializzato e non.
I reperti sono stati inseriti nel percorso egizio del Museo parmense, andando ad arricchirlo in modo consistente. Per garantirne non solo la godibilità estetica ma per renderli soggetto di conoscenza, lo spazio espositivo è stato completato con l'installazione di un totem con navigazione digitale a touchscreen. Qui la documentazione grafica e fotografica e un ampio apparato didascalico consentono di usufruire di diverse chiavi di lettura degli scarabei e dell'intera sezione egizia. Sono stati inseriti diversi percorsi con differenti livelli di approfondimento: uno molto tecnico che riporta integralmente il testo del catalogo della collezione Magnarini, uno più divulgativo che offre diverse chiavi di lettura della collezione di scarabei e della sezione egizia ed uno decisamente didattico studiato appositamente per le classi elementari che frequentano assiduamente la Sezione Egizia.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©