Cultura e tempo libero / Cinema

Commenta Stampa

“La colpa” di Prisco e Tognazzi trionfa alla settima edizione di Cort’O Globo Film Festival di Angri


“La colpa” di Prisco e Tognazzi trionfa alla settima edizione di Cort’O Globo Film Festival di Angri
17/12/2011, 13:12

Si è tenuta ieri al Castello Doria di Angri la serata finale della settima edizione di Cort’O Globo Film Festival 2011, il Festival del Cortometraggio tra i più seguiti del circuito nazionale e tra i più gettonati dal pubblico dell’
intera Regione Campania.
Una cinque giorni (patrocinata dalla Regione Campania, dalla Provincia di Salerno, dal Comune di Angri, dal Comune di Corbara, dalla Camera di Commercio di Salerno e dagli sponsor che non hanno voluto far mancare il loro apporto alla kermesse) che ha registrato l’interesse e la partecipazione di numerosi spettatori, che hanno potuto assistere alle proiezioni dei cortometraggi in concorso e fuori concorso, oltre a numerose iniziative collaterali di grande importanza, come incontri, esposizioni fotografiche e pittoriche sul tema dei 150 anni dell’unità d’Italia.
Sono stati il conduttore Antonio Longobardi ed Andrea Recussi, direttore artistico della manifestazione, a premiare insieme ai componenti della Giuria tecnica (tra i quali la nota scrittrice Melissa P., che giovedì sera ha presentato il suo nuovo libro-scandalo, “In Italia si chiama amore”) ed alle autorità presenti i vincitori della kermesse.
Questi i premi assegnati:
a Di Giacomo Rudy (regista) per “Una fortuna da ricordare” il PREMIO dell’
ASSOCIAZIONE 'O GLOBO;
a Gelormini Nicolangelo per “Reset” il PREMIO per l’IDEA PIU' ORIGINALE; ad Albano Giuseppe per “Stand by me” il PREMIO della GIURIA POPOLARE; a Tarditi Gianluigi per “Deu ci sia” la MENZIONE SPECIALE della GIURIA.
Si sono aggiudicati la vittoria finale:
Capuzzi Alessandro con “Città di no” per la CATEGORIA “NUOVI PERCORSI”; Gianmarco Tognazzi (attore) per “La Colpa” - PREMIO come MIGLIOR ATTORE; Prisco Francesco (regista) per “La colpa” per la CATEGORIA “SGUARDI D'AUTORE”, che si è aggiudicato il premio come VINCITORE DELLA SETTIMA EDIZIONE DI CORT'O GLOBO FILM FESTIVAL.
Presenti alla serata di ieri tutti i finalisti delle sezioni in concorso.
Gianluigi Tarditi da Torino, si è detto “orgoglioso di aver ricevuto la menzione speciale della Giuria di un concorso divenuto con gli anni un importante punto di riferimento a livello non solo nazionale nell’ambito dei festival del cortometraggio” e “stupito dalla partecipazione di tante persone interessate ai corti”.
Alessandro Capuzzi da Milano ha definito la sua vittoria nei “Nuovi Percorsi”, “inaspettata, perché ho visto in finale lavori molto belli e qualitativamente molto elevati. Mi è piaciuto molto lo spirito innovativo e giovanile con cui viene portato avanti il discorso di un festival destinato sempre più a crescere, e del quale manifesto sin d’ora l’intenzione di tornare a partecipare. La location del Castello, poi, è tanto suggestiva quanto unica!”.
Ha fatto un’eccezione graditissima Francesco Prisco ad essere presente ieri sera alla serata finale che ha incoronato lui vincitore come regista, e Tognazzi come miglior attore del corto “La Colpa” (che ha fatto incetta di premi), in quanto Prisco partecipa raramente a queste kermesse, se non esclusivamente con i suoi lavori: “Avevo già preso parte da spettatore a Cort’O Globo, e non ho voluto mancare. La vittoria mi inorgoglisce, perché frutto della decisione di una giuria altamente competente. Mi complimento con gli organizzatori per la splendida cornice del Castello, la buona partecipazione di un pubblico attento e partecipe, la forte valenza territoriale che si prefigge il festival”.
Rallegrazioni sono giunte anche da Gianmarco Tognazzi, che ha definito il suo premio “un omaggio soprattutto agli sforzi delle produzioni giovanili ed indipendenti di offrire pellicole cinematografiche di qualità e di grande impatto sui fruitori, e di manifestazioni come quella angrese che traspirano voglia e volontà di fare cinema e cultura con la c maiuscola”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©