Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

La “Condizione umana” di Di Donato al MARTE Mediateca


La “Condizione umana” di Di Donato al MARTE Mediateca
10/02/2012, 17:02

Il MARTE Mediateca di Cava de’ Tirreni (Sa) presenta la personale di Pasquale Di Donato, “Condizione umana”. Domani, sabato 11 febbraio, alle ore 20.00 il vernissage della mostra a cura di Maria Chiara Valacchi. Dieci opere, video e sculture, tracceranno il percorso di comprensione della condizione umana vista dagli occhi dell’artista cavese, già protagonista della mostra internazionale “Ecce Uomo” nel 2006 a Milano. L’ingresso è gratuito


«L'uomo è condannato a essere libero: condannato perché non si è creato da sé stesso, e pur tuttavia libero, perché, una volta gettato nel mondo, è responsabile di tutto ciò che fa». L’esistenzialismo del filosofo Jean Paul Sartre apre la riflessione sul tema “Condizione umana”, titolo della nuova personale di Pasquale Di Donato (a cura di Maria Chiara Valacchi), che domani, sabato 11 febbraio, alle ore 20.00 sarà inaugurata al MARTE Mediateca Arte Eventi di Cava de’ Tirreni (Sa).

Espressione dalle mille letture ed interpretazioni, descrizione complessa e complessiva dei molteplici eventi che segnano il vissuto umano, la mostra introduce la questione cruciale del senso della vita. Di Donato la affronta con una moltitudine di manifestazioni di sentimenti, che descrivono con ironia e disincanto il mondo che lo circonda. Artista colto e curioso, realizza un percorso di dieci opere, video e sculture, dove la prigionia dell’anima, risultato di una libertà illusoria, viene sviscerata in ogni suo aspetto. Artifici visivi, frizioni oggettuali ed intellettuali stimolano un risveglio della mente, avviando lo spettatore ad un percorso di comprensione teso alla vera essenza delle cose, la chiave della nostra vita.

Originario di Cava de’ Tirreni, dove è nato nel 1982, Pasquale Di Donato è milanese d’adozione. Dopo la maturità classica, si è laureato con il massimo dei voti in Architettura e Interior Design presso il Politecnico di Milano. Ha frequentato gli studi di grandi maestri ed i suoi lavori fanno parte di alcune delle più importanti collezioni d’arte contemporanea. Ha partecipato a diverse prestigiose esposizioni collettive internazionali, come “Ecce Uomo” nel 2006 a Milano, in occasione della quale è stato anche scelto per realizzare un’opera come contenitore del catalogo in edizione numerata. Nel 2009 ha esposto alla galleria Ravizza Art Project del capoluogo lombardo ed una sua installazione pubblica, la “Turris Eburnea”, è stata inaugurata alla Torre Branca di Milano nel 2009.

La mostra sarà visitabile gratuitamente dal martedì al sabato fino al 3 marzo prossimo.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©