Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

la kermesse di un'idea del secolo scorso

La fiera della bomboniera e della crisi


.

La fiera della bomboniera e della crisi
03/10/2013, 14:59

NAPOLI - Con i tempi che corrono e che non accennano a passare, il matrimonio è diventato una velleità troppo grande per tutte quelle coppie che oggi come oggi, decidono di mettere su famiglia. Ovviamente alla crisi profonda dell'istituto canonico del matrimonio, oltre che a quello giuridico, viene meno tutto quell'indotto che gravita intorno al giorno più bello della vita, o almeno una volta era così. Oggi le tendenze sono diverse, si preferisce la convivenza alla stipula contrattuale; si preferisce avere un compagno o la compagna al posto di una moglie o di un marito, che non solo portano spese, ma pure obblighi a iosa. I dati sono eloquenti e fotografano una tendenza negativa rispetto a soli 15 anni fa. Si parla di un calo che parte del 4,5% di media nazionale fino a raggiungere percentuali del 7% in Campania e quasi dell'8% in Sardegna. Fattori principali di questa crisi epocale del matrimonio sono oggi soprattutto le condizioni che riguardano il lavoro, il precariato oramai a tempo indeterminato, e la disoccupazione, i veri nodi di questa società che tra politichese e 'indiano', ha smarrito definitivamente la rotta. Ma nonostante questa realtà acclamata che non ha bisogno di semplificazioni, continuiamo ad assistere alle kermesse di idee da XX secolo: le fiere. E se una volta Branduardi cantava che alla fiera dell'est il padre aveva comprato un topolino per due soldi, oggi alla rinomata fiera della Bomboniera per due soldi non ci fanno neppure entrare. Gli operatori del settore si accapigliano letteralmente per accaparrarsi porzioncine di mercato veramente da due soldi, proponendo i cari vecchi soprammobili che oggi nessuno vuole più, arricchiti con tanti confetti colorati multigusto che nessuno mangia più. Ma nonostante ciò, e nonostante l'antico adagio dell'acqua che è poca e la famosa papera che non galleggia, da domani torneranno in pole position le bomboniere alla Mostra d'Oltremare con la dodicesima edizione della Fiera di settore che, stando a quello che si vocifera, tornerà ad essere frequentata dai soliti curiosi ghiottissimi di confetti. State attenti però, perché pare che con i vecchi cari confetti l'indigestione è assicurata...

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©