Cultura e tempo libero / Letteratura

Commenta Stampa

"La fisica delle cose. Dieci riscritture da Lucrezio" a cura di G.Alfano


'La fisica delle cose. Dieci riscritture da Lucrezio' a cura di G.Alfano
07/11/2011, 15:11

la Feltrinelli I Librerie Via S. Tommaso d’Aquino, 70 Napoli Tel. 081.5521436  Mercoledì 9 novembre ore 18 Presentazione del libro LA FISICA DELLE COSE Dieci riscritture da Lucrezio (Perrone Editore) a cura di Giancarlo Alfano Con il curatore intervengono Daniele Claudi e Gabriele Frasca  Letture di  Sara Davidovics Letizia Leone Giovanna Marmo Giulio Marzaioli

Perché tornare a Lucrezio? Perché il mondo immateriale dell’oggi è fatto, come aveva immaginato il grande autore latino, di corpuscoli, di semi delle cose che circolano, si scontrano, si fondono. Bits di informazione attraverso il web, frammenti di parole tra i cellulari, pezzi di vita nel flusso economico che chiamiamo migrazione. Un mondo di atomi che si disgregano quando il tempo è venuto, e che si ricompongono in nuovi schemi, forme, concrezioni provvisorie ma dotate di senso.

I dieci poeti che in questo libro si misurano con il De rerum natura ne attraversano alcuni punti salienti, come la teoria della composizione del cosmo o la riflessione sulla conoscenza. Tutti però si sono dovuti concentrare col sostrato materialista del pensiero di Lucrezio, col suo profondo vedere nel fondo delle cose e degli esseri l’animazione di un brulicare accanito. Ed è questa mescolanza perpetua degli elementi primi a dar senso alle cose e agli esseri: l’evento del loro incrociarsi, che è momento (cioè, al tempo stesso, istante e intensità) e direzione: senso del tempo.

Pur provenendo da esperienze diverse e lavorando alla poesia con progetti non accomunabili, i dieci poeti, tutti nati tra gli anni Sessanta e Settanta, che qui raccolgono le loro riscritture dal poema latino, si sono ritrovati a convergere in una riflessione collettiva sulla fisica delle cose, sulle leggi che determinano il nostro essere in questo mondo.

Tempus item per se non est, sed rebus ab ipsis Consequitur sensus, transactum quod sit in aevo

I poeti che hanno partecipato a questo volume sono Andrea Inglese, Letizia Leone, Laura Pugno, Vincenzo Frungillo, Giulio Marzaioli, Andrea Raos, Vito M. Bonito, Sara Davidovics, Giovanna Marmo, Elisa Biagini.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©