Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

LA GIORNATA DELLE PALME


LA GIORNATA DELLE PALME
11/03/2008, 12:03

Tutto è pronto per ospitare la V Biennale Europea delle Palme, un appuntamento fisso per Sanremo che per tre giorni diventa il centro europeo per poter discutere e approfondire tutti gli aspetti relativi le palme.
La V Biennale Europea delle Palme è incentrata sul convegno Dies palmarum Le palme del Mediterraneo e la minaccia dei nuovi predatori, un meeting internazionale organizzato dal Comune di Sanremo e dal Centro Studi e Ricerche per le Palme di Sanremo, in collaborazione con il Comune di Bordighera.
Dal 12 al 14 marzo presso la Sala Congressi del Palafiori di Sanremo, studiosi, ricercatori ma anche tecnici e amministratori comunali e regionali si incontreranno per discutere tematiche e aspetti relativi alle palme e alla diffusione dei parassiti che negli ultimi mesi hanno colpito in modo catastrofico alcune coste europee, concentrando l’attenzione sui progetti e le terapie più efficaci nella lotta di contrasto intrapresa nei principali centri di ricerca.

Dies palmarum non sarà solo un momento di riflessione e approfondimento sulle tecniche, le ricerche e le possibili terapie applicabili per arginare l’ondata di parassiti che colpiscono i palmeti mediterranei. “L’evento sarà l’occasione per presentare nella giornata del 14 marzo il progetto Phoenix - ha dichiarato Claudio Littardi, Presidente del Centro Studi e Ricerche per le Palme - per il recupero e la salvaguardia del patrimonio genetico del Palmeto Storico di Bordighera, con particolare riguardo ai legami storici, culturali e religiosi delle palme del Mediterraneo. Difendere il palmeto storico di Bordighera, infatti, patrimonio per eccellenza della Riviera, e salvaguardarne l’aspetto genetico e non solo, significa potenziare uno dei beni più grandi della Liguria" ha aggiunto Littardi. Durante la tre giorni dei Dies palmarum, il Centro Studi e Ricerche per le Palme presenterà anche l’Accademia delle Palme Capitan Bresca, un istituto creato appositamente per formare operatori tecnici e appassionati proponendo percorsi didattici di alto livello.

Dopo l’inaugurazione e i saluti delle autorità cittadine e del Vice presidente del Consiglio generale delle Alpi Marittime, il francese René Vestri, che parteciperà ai lavori per poter comprendere da vicino come affrontare la minaccia che potrebbe colpire anche la regione Alpes Maritimes Côte d’Azur, il Centro Studi e Ricerche per le Palme introdurrà i lavori con una relazione su “Le palme come patrimonio del paesaggio Mediterraneo”. La giornata introduttiva del convegno verterà sulla protezione fitosanitaria e le ultime conoscenze della ricerca dei nuovi predatori in ambito biologico. I rappresentan ti dei maggiori laboratori dei paesi mediterranei presenteranno risultati di ricerche ai quali sono pervenuti finora nell’ambito della lotta biologica. Tutte le più autorevoli voci presenti al convegno sostengono, infatti, che proprio la lotta biologica sia la chiave di ricerca per il futuro, al fine di evitare e limitare l’utilizzo di antiparassitari che possono danneggiare l’ambiente.
Novità sostanziose sembrano provenire dall’endoterapia, tecnica che vede inoculato il principio attivo del farmaco nel sistema linfatico delle piante. Il principio esercita da subito una funzione insetticida, rimanendo all’interno della pianta senza disperdersi nell’ambiente. Durante il pomeriggio saranno messe a confronto le tecniche in uso nei diversi paesi e i risultati conseguiti, supportati da ricerche scientifiche e dati monitorati costantemente.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©