Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

LA GIUNTA AURICCHIO "FESTEGGIA" UN ANNO DI ATTIVITÀ


LA GIUNTA AURICCHIO 'FESTEGGIA' UN ANNO DI ATTIVITÀ
25/09/2008, 15:09

Sabato, 27 settembre 2008, alle ore 20.00, in via Marconi a Terzigno, avrà luogo la manifestazione "Terzigno 2007/2008, Un Anno di Amministrazione Auricchio: Rapporto ai Cittadini".

L'iniziativa costituirà un importante momento di incontro e di confronto con Cittadini per illustrare loro il lavoro svolto dal Comune nel corso del primo anno di governo, nonché le attività che saranno intraprese nei prossimi mesi.

 

"Questa iniziativa – dichiara il Sindaco di Terzigno Domenico Auricchio –  vuole essere l'ennesimo segnale che il nostro è un Comune al servizio dei cittadini. L'ennesimo segnale che l'Amministrazione che ho l'onore di guidare segue una sola parola d'ordine: cultura del dialogo e dell'ascolto reciproco. L'idea nasce dalla convinzione che prima di decidere è necessario confrontarsi, dialogare, ascoltare, scambiarsi informazioni. Un concetto per molti versi scontato, ma, a dire il vero, poco messo in pratica.  Il nostro obiettivo è quello di operare affinché le singole realizzazioni non siano il prodotto casuale di interventi episodici e scoordinati, ma rappresentino gli esiti di un disegno razionale, organico, coerente e – al tempo stesso – realisticamente graduale, largamente partecipato e perseguito nell'interesse generale, senza alcuna valenza discriminatoria, senza esclusioni faziose che non ci appartengono. E' su questa strada che continueremo a profondere il massimo impegno, nell'interesse primario e sostanziale del territorio terzignese" .

 

 "Con l'incontro di sabato – aggiunge il Vice Sindaco di Terzigno Francesco Ranieri -  ci poniamo l'obiettivo di far capire a tutti concittadini che questa Giunta, tra non poche difficoltà, sta gettando le basi per creare la Terzigno che vogliamo: una Terzigno dal volto umano, a misura d'uomo, dove la qualità della vita non è un dato statistico ma la percezione di un benessere condiviso. Queste iniziative servono per comunicare alla gente che lo sviluppo lo costruiamo noi, tutti insieme,  con le nostre scelte, le nostre aspirazioni, il nostro senso di responsabilità, la nostra capacità di individuare e perseguire obiettivi. Noi ci impegneremo al massimo affinché la "cultura del fare"   vinca sulla "cultura del non fare" o, peggio ancora, sulla "cultura del progettare senza fare". Il cammino che abbiamo avviato è certamente di particolare difficoltà, ma quando ci si confronta e ci si parla con chiarezza ogni passo può diventare determinante".

 

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©