Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

La leggerezza della Glenn Miller Orchestra a Ravello


La leggerezza della Glenn Miller Orchestra a Ravello
24/07/2013, 13:41

Glenn Miller equivale a leggerezza, movimento, melodia”: Wil Salden non ha dubbi. Il pianista e direttore della Glenn Miller Orchestra parla del nume tutelare della sua formazione con entusiasmo. Domani, giovedì 25 luglio (ore 21,30) la “Glenn Miller Orchestra” si esibirà sul Belvedere di Villa Rufolo al Ravello Festival grazie alla collaborazione con Poste Italiane. “Per me Miller è musica pura - continua Salden -. Suonare le sue composizioni è un grande onore per noi. Siamo in tour da gennaio del 2012 e ci fermeremo solo a dicembre di quest'anno. Eseguiamo le sue note da 23 anni e per festeggiare questo compleanno renderemo omaggio non solo a lui, ma anche ad altri grandi direttori di big band degli anni '40 come Benny Goodman e Count Basie”. Seguendo lo slogan ‘Swing is our kind of music…’ Wil Salden e l’Orchestra riproporranno brani come ‘Moonlight Serenade’, ‘A String Of Pearls’, ‘Little Brown Jug’, ‘Pennsylvania 6-5000′, ‘In The Mood’, ‘Somewhere Over The Rainbow’ in uno spettacolo completamente dedicato ai classici di questo genere. La Glenn Miller Orchestra è stata fondata nel 1937 da Glenn Miller, trombonista e direttore d’orchestra padre del jazz e dello swing. La band è sopravvissuta alla prematura scomparsa del suo fondatore, avvenuta nel 1944, durante la guerra, mentre il quarantenne musicista stava volando con un piccolo aereo verso Parigi. La formazione ha continuato ad esibirsi senza interruzione fino a oggi, diretta dal suo nono direttore, Wil Salden, un perfezionista che pretende l’eccellenza da ogni membro della formazione. Il gruppo è composto da 18 elementi, tra cui quattro trombe, quattro tromboni, cinque sassofoni, un basso, un batterista e da Ellen Bliek che cura la parte vocal. Tutti i brani sono originali, gli arrangiamenti sono realizzati ascoltando direttamente i vecchi dischi di Glenn Miller.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©