Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Le proprietarie: "Il mercato indipendente è penalizzato"

La libreria Gabi, spazio per comunità gay, rischia la chiusura


La libreria Gabi, spazio per comunità gay, rischia la chiusura
30/07/2010, 20:07

ROMA - La libreria Gabi, spazio di aggregazione sociale e punto di riferimento per comunità gay, trans e lesbiche rischia la chiusura. Il negozio, che si trova a pochi metri da Piazza San Giovanni, rappresenta una delle poche librerie indipendenti della capitale."Gabi - dichiarano le proprietarie Marinella Zetti e Flaminia P. Mancinelli - rischia la chiusura entro settembre a causa della crisi che ha coinvolto l'editoria e il mondo della cultura. Il mercato indipendente poi risulta ancora più penalizzato". In Italia sono quattro gli spazi simili di aggregazione sociale  per comunità omosessuali, le quali si stanno impegnando in questi giorni per salvare la Gabi con diverse iniziative come raccolta fondi e aste. " Il tempo per salvare la nostra libreria è pochissimo - aggiungono Zetti e Mancinelli - e ci auguriamo che le istituzioni si interessino alla nostra vicenda, perchè la Gabi è un luogo aperto a tutti. Da tempo accoglie gruppi di auto aiuto "da donna a donna", gruppi di scrittura, autoterapia, numerose associazioni, ma anche cineforum".

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©