Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

Appuntamento con i nobili terroirs al Grand Hotel Vesuvio

La "Marchesi de' Frescobaldi" presenta il Mormoreto 2007


La 'Marchesi de' Frescobaldi' presenta il Mormoreto 2007
08/10/2010, 08:10

Grandi vini in cattedra all’Hotel Vesuvio in via Partenope, dove martedì 12 ottobre alle ore 18.30 la prestigiosa casa vinicola “Marchesi de’ Frescobaldi” presenterà i suoi preziosi nettari. Condotta dalla sommelier professionista  Nicoletta Gargiulo, presidente dell’Ais Campania, l’attesa degustazione porrà all’attenzione dei fortunati e selezionati ospiti dei vini davvero eccezionali tra cui i grandi terroirs Mormoreto, Haut Brion, Cos d’Estournel e Opus One. E così prima della cena che farà seguito all’evento e che vanterà la presenza del Marchese Ferdinando Frescobaldi, presidente della Compagnia de’ Frescobaldi nonché della società agricola Tenuta dell’Ornellaia e di un ospite come Sergio Di Loreto, ad attestarsi come protagonista assoluto della serata sarà il prezioso Mormoreto 2007, straordinario vino del Castello, nato dall’omonimo vigneto con la vendemmia del 1983. I vitigni Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot, piantati 150 anni or sono, hanno trovato nel tempo un connubio ideale con il territorio esaltandone il carattere unico. Si tratta di un vino opulento, profondo, di grande finezza e longevità. A proposito dell’annata presentata, il 2007 è stato caratterizzato da un periodo primaverile e autunnale temperato, con precipitazioni scarse e senza stress termici. A Luglio le temperature sono state elevate anche se da metà mese si sono abbassate e ad Agosto ha piovuto tanto e bene. La maturazione delle uve è dunque avvenuta gradualmente, in condizioni climatiche ottimali, con giornate calde e soleggiate e notti fresche. Sempre a proposito del nobile toscano Igt e delle sue caratteristiche organolettiche alla vista, il Mormoreto è rosso rubino intenso concentrato e impenetrabile limpido e di bella consistenza. All’olfatto è inebriante e complesso, ricco di sentori fruttati di mora,lampone, ribes, prugna, dattero e piccoli frutti di bosco a        bacca rossa uniti a note floreali di rosa canina e viola mammola. È avvolgente con note speziate di vaniglia, cacao, tabacco e caffè, che si armonizzano a sentori balsamici e di clorofilla. In bocca è morbido, caldo e avvolgente con tannini setosi ben supportati da una bella acidità e freschezza. Equilibrato e persistente presenta un finale lungo con un retrogusto lievemente fruttato. Per quanto concerne gli abbinamenti, è ottimo con preparazioni di carne a lunga cottura come brasati, stracotti e carne in umido ed ancora, è perfetto con formaggi stagionati. Curata e sostenuta dall’organizzazione dell’Area Manager della Frescobaldi, Federico Improta, la serata al Grand Hotel Vesuvio s’annuncia davvero emozionante proprio come i delicati e prelibati nettari della nobile famiglia fiorentina che da ben trenta generazioni si dedica alla produzione dei grandi vini toscani nel segno della tradizione e dell’innovazione., nove tenute in Toscana e una distribuzione di qualità in oltre 65 paesi del mondo.

 

Commenta Stampa
di Giuseppe Giorgio
Riproduzione riservata ©