Cultura e tempo libero / Cultura

Commenta Stampa

“LA MONTAGNA PORTATRICE DI ECONOMIA E PRODUTTIVITA'”: DI IORIO AL CONVEGNO NAZIONALE SUL 60ESIMO ANNIVERSARIO DELLA COSTITUZIONE ITALIANA


“LA MONTAGNA PORTATRICE DI ECONOMIA E PRODUTTIVITA'”: DI IORIO AL CONVEGNO NAZIONALE SUL 60ESIMO ANNIVERSARIO DELLA COSTITUZIONE ITALIANA
25/10/2008, 12:10

 

“E' necessario che l'Italia comprenda appieno l'importanza della montagna nel nostro Paese. In Irpinia la montagna non è solo turismo e bellezza, ma anche una realtà portatrice di economia e attività produttive”.
 
Il presidente della Comunità Montana Terminio Cervialto e consigliere nazionale dell'UNCEM, Nicola Di Iorio, è intervenuto nell'ambito del convegno che si è tenuto ad Asiago in occasione dell'Assemblea nazionale dell'Uncem per il 60esimo anniversario della Costituzione Italiana, che ha visto la presenza del presidente dell'UNCEM, Enrico Borghi, del sociologo Aldo Bonomi, del presidente di Federlegno, Rosario Messina, del presidente del CAI Annibale Salsa e dello scrittore ed esperto di finanza Enrico Menegatti.
 
Il dibattito è stato moderato dal giornalista di LA7 Antonello Piroso, e proprio su invito di Piroso Di Iorio è intervenuto sottolineando non solo l'importanza della montagna nel sistema economico italiano, ma anche mettendo in evidenza come in Irpinia la montagna sia legata anche alla realtà industriale. “Bonomi conosce bene il territorio irpino – ha affermato Di Iorio – e può testimoniare come il sistema montano non sia una monade, e presenti al contrario le stesse difficoltà della città. In Campania invece la legge regionale di riordino di questi Enti non ha rappresentato solo una manovra di sfoltimento, ma ha causato il serio rischio di buttare via tutto, comprese le risorse e le grandi potenzialità del sistema montano della regione. Inoltre in Irpinia la montanità è legata anche al sistema industriale, sorto a seguito del terremoto del 1980 seguendo il binomio sviluppo e ricostruzione. Questo a testimonianza che la montagna non è solo turismo, agricoltura e zootecnia, ma anche industria e commercio”.       

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©