Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

La musica del sole a Palazzo Ricca per ricordare Enrico Caruso


La musica del sole a Palazzo Ricca per ricordare Enrico Caruso
19/12/2013, 09:46

NAPOLI - Giornata di grande musica tradizionale e generazioni diverse unite nel ricordo di Enrico Caruso a 140 anni dalla nascita del più famoso emigrante napoletano costretto a lasciare Napoli ma che Napoli ha sempre portato con sé donandole un’immagine indelebile attraverso le più belle arie di musica classica e le canzoni più belle prodotte all’ombra del Vesuvio e riprodotte nei primi “dischi” destinati alla diffusione di massa con tecnologie all’avanguardia per il suo tempo.
Enrico Caruso rappresenta l’esempio più “eclatante” di come le eccellenze napoletane sono scarsamente considerate in Patria e come, invece, siano apprezzate in tutto il Mondo, dichiara Gabriele Casillo, Presidente dell’Associazione Corpo di Napoli –Onlus. Ed è questo il motivo che ci ha indotto ad eleggerlo come “emblema” della Napoletanità che stiamo “esportando”, con l’arte presepiale di San Gregorio Armeno, con la musica, con la pasticceria di alta qualità ed, a breve, anche con le migliori pizzerie del Centro Antico,  fuori dai confini partenopei per promuovere le eccellenze artistiche ed artigianali del Centro Antico di Napoli, dichiarato dall’UNESCO “Patrimonio dell’Umanità”.  
Venerdì 20 dicembre, dalle ore 10:30 sarà Palazzo Ricca ai Tribunali, sede del glorioso Archivio Storico dell’Istituto Banco di Napoli – Fondazione ad ospitare l’unico evento napoletano, commemorativo in occasione del 140esimo anniversario della nascita del grande Caruso.  
Napoli, infatti, tende a dimenticare i suoi figli migliori per esaltare all’opposto presunte “eccellenze” artistiche straniere ma l’anima popolare del Centro Antico non dimentica e se nel 2013 nessuna istituzione pubblica ha inteso rendere omaggio al celebre tenore, le Associazioni di Napoli e di Torre del Greco, gli dedicano una “Giornata della Cultura Partenopea” con il Coro di Voci Bianche dell’Istituto Mater Dei di Napoli; un concerto di mandolini del gruppo La Posteggia di Mastro Masiello Mandolino; un dialogo sulle eccellenze musicali napoletane per il quale è attesa una rappresentanza della Fondazione Teatro San Carlo e con la presentazione-intervista al musicista Enzo Amato, autore del libroLa Musica del Sole a cura di Pietro Golia direttore delle Edizioni Controcorrente.
L’evento è stato organizzato dall’Associazione deArte di Torre del Greco, in collaborazione con le Associazioni: Corpo di Napoli-Onlus  e Sothis, nell’ambito della 141esima Fiera di Natale ai Decumani, dedicata proprio ad Enrico Caruso.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©