Cultura e tempo libero / Musica

Commenta Stampa

La Nuova Orchestra Scarlatti al Museo Diocesano di Napoli


La Nuova Orchestra Scarlatti al Museo Diocesano di Napoli
06/05/2011, 10:05

Sabato 7 maggio, alle ore 19.00, si terrà il terzo degli otto appuntamenti in programma (fino all’11 giugno) per la Primavera musicale 2011 della Nuova Orchestra Scarlatti, realizzati nella splendida cornice del Museo Diocesano di Napoli (Largo Donnaregina): ‘… in Coro’: un programma originale e attraente in cui il clarinetto solista di Gaetano Russo si alterna con l’elegante ensemble corale dell’Exsultate Deo diretto da Davide Troìa in un percorso musicale punteggiato da continui, suggestivi contrasti tra divertimento e interiorità e che culmina in un dialogo inedito tra coro e strumento.

Si va da una delicata versione per clarinetto e voce sola della celebre Ninna nanna di Brahms a tuttora freschissimi divertimenti musicali dei madrigalisti Adriano Banchieri e Orlando di Lasso, (che nel suo Matona, mia cara fa confessare da un rude lanzichenecco alla sua bella - in un esilarante italiano alla tedesca - di non saper ragionare di tante dolci cose alla Petrarca ma, in compenso, di “ficcar tutta notte, urtar, urtar come monton…”). Una versione per coro a cappella della Sinfonia dal Barbiere di Siviglia di Rossini sarà contornata da due suggestivi momenti del clarinetto: uno schizzo swing di Benny Goodman, e lo Studio n. 5 del compositore francese di primo ‘900 Paul Jeanjean.

La meditazione dell’Ave Verum del milanese Bruno Bettinelli (1913-2004) sarà poi la giusta cornice alla profondità dell’Abîme des oiseaux per clarinetto solo di Olivier Messiaen (1908-‘92), dal cui anelito scaturirà la luce dello Jubilate Deo dell’ungherese László Halmos (1909-‘97). Tornerà il momento solistico, stavolta con Gaetano Russo nella duplice veste di esecutore e di autore, con la sua inedita Suite per clarinetto solo: una sequenza di colori diversi, dalla sognante Elegia alla vitalissima Danza finale, animata qua e là da un accattivante motivo di valzer. Ancora un momento di puro divertimento con il coro impegnato nell’Insalata italiana tardo ‘800 di R. Genée che scortica allegramente luoghi comuni e tic del melodramma nostrano, poi tutto si concluderà nell’abbraccio di ‘… in Coro’ , un’altra pagina nuova di Gaetano Russo. Si tratta di un’originale gioco musicale intorno ad alcune parole tanto elementari quanto fondamentali, come ‘Vita’, ‘Amore’, ‘Dolore’, ‘Cuore’, ‘Anima’, ‘Gioia’: una rapsodia di momenti sonori intonati dal coro che trascorrono dall’allegria all’interiorità, dallo swing alla danza; momenti animati e legati fra loro dal poetico vagabondaggio del clarinetto, e dedicati a un ‘Te’ con la T maiuscola intorno a cui tutto ruota e verso cui tutto, gioiosamente, converge.

Il costo del biglietto per i concerti è di 12 euro. Vendita al botteghino del Museo Diocesano da un’ora prima del concerto. Prevendite abituali. Abbonamento a 5 concerti: 40 euro (acquistabili esclusivamente al botteghino del Museo Diocesano da un’ora prima del concerto).

Successivo appuntamento della Primavera musicale al Diocesano: sabato 14 maggio, ‘… Le Stagioni’, musiche di B. Marini, A. Scarlatti, A. Vivaldi, con Luigi De Filippi in veste di violino solista e direttore.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©