Cultura e tempo libero / Eventi

Commenta Stampa

La “Paranza r’o lione” a Meta per il gran finale del Folk dinner


La “Paranza r’o lione” a Meta per il gran finale del Folk dinner
23/08/2011, 12:08

Gran finale per il “Folk dinner”. Protagonista dell’ultimo appuntamento dell’itinerario gastronomico-musicale organizzato da Semioticando sarà uno dei più rinomati gruppi di ricerca e recupero delle tradizioni musicali popolari e contadine del sud Italia. Si tratta della “Paranza r’o lione” che si esibirà a Meta venerdì 26 agosto, alle 20.30, presso il Comer_a per una serata in cui regnerà in cucina la creatività dello chef Claudio La Ragione. Quella di Antonio Matrone, detto “o’ lione”, è una delle Paranze più importanti e travolgenti del territorio; da Scafati ha portato in tutta Europa le note della memoria popolare. Fin dal ‘400 associazioni di devoti, dette appunto Paranze, suonavano musica popolare durante il pellegrinaggio al santuario della Madonna. Quella tradizione si è conservata e oggi si può ascoltare la loro musica ripercorrendo tra culto e storia il ritmo delle tammurriate. Sarà questo lo spirito dello spettacolo che proporrà venerdì la “Paranza r’o Lione” fatto di un variegato repertorio di tammurriate, e qualche tarantella delle province campane, soprattutto della zona di Montemarano dove si svolge uno dei carnevali popolari più belli d’Italia.
A deliziare i palati nel ristorante di Salvatore La Ragione e del calciatore Francesco Montervino ci penserà Claudio La Ragione con il suo menù “Per venti”. I piatti che proporrà lo chef saranno, infatti, “Venti sfizi e tradizioni tra terra e mare”: crocché di baccalà, arancini, panzarotti, polpetta di gamberi e provola, frittata di zucchine, polpette di melanzane, pizza di pasta, pizza rustica, pappa al pomodoro con palamita, minestra di zucchine con gamberi, polipo patate e fagiolini, caponata, parmigiana di melanzane, ravioli cozze mortadella e melanzane, peperone tonnato, millefoglie di pesce bandiera e scarole, migliaccio napoletano, delizia al limone, caprese e una sorpresa finale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©