Cultura e tempo libero / Mostre

Commenta Stampa

Al TuttoFood di Milano la pasta è ritracciabile ogni minuto

La pasta di Gragnano va su Google Earth con il Pastificio dei Campi


La pasta di Gragnano va su Google Earth con il Pastificio dei Campi
09/06/2009, 11:06

In occasione di TuttoFood, in programma a Milano dal 10 al 13 Giugno, Pastificio dei Campi presenterà la sua linea di pasta di Gragnano di alta qualità, completamente prodotta a mano e rintracciabile dalla semina fino al confezionamento, grazie ad un innovativo sistema telematico. L’azienda sarà presente alla Fiera Internazionale del cibo presso il Padiglione 15 Stand Z 16.
Il sistema telematico di rintracciabilità Per far conoscere ai consumatori l’unicità della propria produzione, Pastificio dei Campi ha adottato un innovativo sistema che permette di rintracciare ogni singola confezione di pasta, dalla semina del grano utilizzato per produrla fino al suo confezionamento.
Questo è possibile grazie ad un sistema telematico su Google Earth
Digitando il nome del prodotto e la data di produzione (impresse su ogni confezione) all’interno del sito www.pastificiodeicampi.it, sarà dunque possibile conoscere tutte le informazioni relative alla produzione, a partire dal lavoro del contadino: il giorno in cui è avvenuta la semina, in quale campo è cresciuto il grano, il giorno in cui esso è stato raccolto, il silo in cui il grano è stato conservato per tutto il periodo fino alla macinazione, il mulino in cui il mugnaio ha macinato quel grano per farlo diventare semola di grano duro. E ancora, il giorno in cui la semola è stata consegnata al Pastificio dei Campi e il giorno il cui questa è diventata pasta grazie al lavoro del pastaio e messo nelle confezioni dal pacchettista.Per la prima volta nel mondo della pasta, quindi, Pastificio dei Campi mette a disposizione del consumatore tutte le informazioni utili per rintracciare il pacco di pasta che è stato acquistato e poi consumato, dando anche un volto e un luogo precisi ai protagonisti che ne hanno reso possibile l’esistenza.

 

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©